Stampa
23
Giu
2006

24 GIUGNO: NELL'AMBITO DEL III FESTIVAL CINEMATOGRAFICO DELLA MIGRAZIONE E DEL GUSTO UNA MOSTRA DI A

Pin It
CimAmeriche Film Festival Anteprima III∞ Festival Cinematografico della migrazione e del gusto Festival legato al territorio ligure, alle sue storie di migrazione e alle tradizioni sociali, culturali, artistiche ed eno-gastronomiche del Tigullio Riviera di Levante 23 giugno ñ 3 luglio 2006 Inaugurer‡ venerdÏ 23 giugno líanteprima della 3∞ edizione di CimAmeriche, film festival della migrazione e del gusto, che si svolger‡ nei Comuni di Chiavari e Sestri Levante dal 23 giugno al 3 luglio. Uníanteprima dedicata allíandata e al ritorno (Ida y Vuelta) di artisti che hanno saputo mantenere e ravvivare legami profondi, umani e professionali, tra questa parte di Liguria e líAmerica Latina, incentivando le affinit‡ di territori, solo fisicamente lontani, lo scambio, le conoscenze e le interazioni dei reciproci patrimoni, delle risorse come espressione di una matrice culturale e di forti radici comuni. Ancora una volta il binomio Cinema e gusto ñ inteso nelle sue molteplici sfaccettature - come patrimoni territoriali e culturali, entrambi intensi e generosi momenti di fruizione collettiva. Ritorna a Chiavari, finalmente! Ë il caso di dire, Antonio Devoto, nel centenario della sua nascita. Con la mostra: ANTONIO DEVOTO. CENTENARIO DELLA NASCITA DELLO SCULTORE ITALO ARGENTINO 1906 ñ1989, che si svolger‡ a Chiavari allí ex Convento delle Clarisse dal 24 giugno al 3 luglio con orari: 10.00/12.00 ñ 16.30/18.30. Antonio Devoto, scultore. Nasce il 4 maggio del 1906 a Chiavari, in Italia, dove frequenta la Scuola díArte. Dal 1923 vive e lavora in Argentina. Muore a Buenos Aires nel 1989. Sue opere figurano nel Museo Provincial de Bellas Artes e nel Museo Municipal Eduardo Sivori di Buenos Aires; nei Musei Bellas Artes, di Cordoba, Rosario, Santa FË, Bahia Blanca, La Rioja, Tucum‡n, La Pampa, Mendoza, La Mattanza e nel Museo díArte Moderna di Milano; e in Collezioni private italiane e straniere. Fra le collezioni private italiane, notevole Ë quella del medico chiavarese Marco Levaggi, amico di famiglia e depositario anche di carteggi e aneddoti sulla sua vita, che, con la disponibilit‡ di Nino e Gabriella De Carlo e dellíIstituto díArte di Chiavari, ha reso possibile il ritorno di un artista cosÏ poco considerato in patria. Ritorna a Sestri Levante Juan Bautista Stagnaro, gi‡ protagonista nel dicembre scorso della II∞ edizione di Cimameriche nella sezione Ammi‡ inderË. Líincontro/mostra: VOLVER BUENOS AIRES/ RIVA TRIGOSO. JUAN BAUTISTA STAGNARO, CRONACHE DI UN RITORNO si svolger‡ a Sestri Levante nel Palazzo Comunale dal 23 giugno al 2 luglio con orari: 18.00/22.00. Nuovamente proficua la collaborazione con il Comitato del Bagnun, che ha messo a disposizione per la mostra líarchivio delle foto storiche di Riva Trigoso, memoria e percorso di legami antichi che ancora oggi ci e si collegano allíArgentina. Juan Bautista Stagnaro, regista. Figlio di emigranti di Riva Trigoso, nasce a Mar del Plata. Autore prolifico e poliedrico, spazia dalla poesia al cinema con eguale rigore e professionalit‡, integrando passato e futuro con una capacit‡ di analisi critica sempre efficace. A 19 anni pubblica Dura tarea de p‡jaros. Si diploma alla Escuela Nacional de ExperimentacÏon y de RealizacÏon Cinematografica e si laurea alla UBA in Economia Politica. Scrive su riviste di cinema e realizza i cortometraggi Antes que llegue la gente (1970) e Ulises (1975). Negli anni 80 collabora a film significativi per la memoria e la coscienza del Cine en Democratia, scrivendo Camilla (1984, allíOscar come migliore film straniero) e Miss Mary (1986), entrambi diretti da M.Luisa Bemberg. Con B.D.FeijÚo codirige Debajo del mundo (1986), quindi realizza El camino del sur (1988), Casas de fuego (1995), La Furia (1997), El Amateur (1999) e El SÈptimo Arc‡ngel (2003) come regista e sceneggiatore e dirige Un Dia en el Paradiso (2003). La sua prolifica attivit‡ lo porta ad essere professore e 1∞ preside della Universidad del Cine, fondata da Manuel Antin, e docente alla Escuela del Istituto Nacional de Cine (INCA). Eí membro del 1∞ Consejo Asesor de Cine, istituito dopo la Ley del Cine del 1994, presidente dellíassociazione Directores Argentinos Cinematogr‡ficos e fondatore della neo Academia Nacional de Cinematografia GiovedÏ 29 giugno, dopo la visita allíex convento della Clarisse di Chiavari della mostra su Antonio Devoto da parte dei congressisti del XXXVI CONGRESSO dellíINSTITUTO INTERNACIONAL DE LITERATURA IBEROAMERICANA (IILI) ñ PALABRAS E IDEAS: IDA Y VUELTA, che si svolge a Genova al Palazzo Ducale dal 26 giugno al 1 luglio - a Sestri Levante, al Cinema Lux, si terranno due sessioni plenarie dello stesso Congresso. Nel Levante ligure i percorsi della memoria migrante in America Latina, alla presenza di autorit‡ e rappresentanti della cultura latino americana nel mondo. Il programma della giornata sar‡ completato da un recital di tango della cantante argentina Eugenia Varas accompagnata alla chitarra da Michele Rossi e da una rappresentazione scenica del testo teatrale Amores sin cabeza di Miguel Angel Asturias. Il programma completo della manifestazione sar‡ visibile sul sito www.iberistica.unige.it o dal sito del festival www.cimameriche.it