Stampa
11
Mar
2010

ALLA WOLFSONIANA GLI ARGENTI DI ARRIGO FINZI ISPIRATI ALLíARCHITETTO FUTURISTA SANTíELIA

Pin It

 Nell’ambito della mostra Pubblicità e propaganda. Ceramica e grafica futuriste, in corso alla Wolfsoniana di Nervi e prorogata fino al 2 maggio per l’interesse riscosso, venerdì 12 marzo a partire dalle 18.00 saranno esposti e presentati i dieci argenti di Arrigo Finzi provenienti dalla collezione della figlia Olga Finzi Baldi che li ha affidati in comodato a Wolfsoniana – Fondazione regionale per la Cultura e lo Spettacolo.

Arrigo Finzi (La Spezia 1890 – Milano 1973) è stato uno degli argentieri italiani più interessanti e originali della prima metà del Novecento. Nel 1950 le sue opere furono le uniche giudicate sufficientemente innovative per partecipare alla mostra Italy at work. Her renaissance in design today, l’importante rassegna espositiva che presentò il meglio dell’artigianato, delle arti decorative e del design italiani contemporanei in dodici musei statunitensi.
Le opere di Finzi esposte alla Wolfsoniana si riferiscono alla sua produzione dal 1919 al 1940. Quando, nel 1909, il giovane Arrigo presentò il progetto del suo primo laboratorio, fece la conoscenza di Antonio Sant’Elia che in quel momento lavorava presso l’ufficio tecnico del Comune di Milano. Negli anni seguenti incontrò nuovamente il celebre architetto futurista. Tra i due s’instaurò un rapporto di amicizia: Finzi, che voleva avviare una produzione di argenti moderni, rimase affascinato dai progetti avveniristici di Sant’Elia e gli chiese di disegnare oggetti caratterizzati da linee nuove e essenziali. La guerra e la tragica morte dell’architetto interruppero il sodalizio ma Finzi non dimenticò la lezione dell’amico e, quando nel 1919 fondò la sua ditta, i primi pezzi s’ispirarono ai disegni di Sant’Elia, come dimostra il centrotavola “Futurismo” presentato alla Wolfsoniana. Tali opere non riscossero però successo commerciale. Solo più tardi, nel 1933, quando la ditta Finzi era ormai affermata a livello nazionale e internazionale, l’argentiere depositò il marchio “Sant’Elia” con il quale lanciò la stagione della “Nova Argenteria” che contraddistingue la produzione dalle linee più moderne, in cui l’ispirazione futurista si fonde con motivi dichiaratamente déco e, in alcuni pezzi, rivela accenti più corposi, già ‘Novecento’.
Una piccola pubblicazione dedicata alla figura di Arrigo Finzi, con testi di Silvia Barisione, Matteo Fochessati e Gianni Franzone è edita da Silvana Editoriale.