Stampa
03
Feb
2008

ARTE. NEONIRICO ,LE TELE DI FILIPPO GARRONE PALAZZO BALBI DI CAMPOMORONE

Pin It

GENOVA. In mostra a Palazzo Balbi NEONIRICO, la nuova personale di Filippo Garrone, a cura di Luca Beatrice. Una ventina di tele, tecniche miste in cui l’artista alterna acrilici, olio, immagini digitali, areografo su tela. Le tele di Filippo Garrone, avvolte di quella serenità conquistata dall’artista nel suo cammino spirituale, sono intrise di misticismo, teatralità e gioco. Per i suoi quadri di grande formato, l’artista ha attinto dalla ricerca filosofica agli archetipi junghiani, dall’esoterismo come dalla tradizione cinese dei Ching fino allo sciamanesimo, sperimentando parallelamente le varie possibilità di espressione offerte dalle diverse tecniche pittoriche.
 
Come ulteriore richiamo ad esperienze cognitive extrasensoriali, l’uso del colore si rifà alla fosforescenza psichedelica con pennellate di oro, argento e colori brillanti. Prendono vita, così, forme in metamorfosi, caricature, mostri che abitano città, palazzi, giardini, scenografie fluttuanti.
Il viaggiare in senso geografico ed esistenziale di Filippo Garrone si ritrova nelle sue opere, mondi magici che invitano a scoprire le infinite possibilità di percezione dell’esistenza.
“I miei lavori sono una mappa per sognatori, un invito al viaggio spiralesco dei mondi paralleli, ascendenti e discendenti, determinati dall’intento dell’osservatore, dal desiderio di conoscenza, dalla qualità dei sentimenti, generosi creatori di illusioni oppure preziosi compagni di viaggio”. Filippo Garrone

9 - 24 marzo 2008Inaugurazione 8 marzo 2008, ore 17.30Palazzo Balbi  via A. Gavino 144r Campomorone, GenovaOrari: 10 – 12; 15 - 18 Ingresso libero

Tra le principali mostre personali:
2006 - Neonirico, Galleria Seno, Milano
2001 - Mondi Paralleli, Palazzo degli umiliati, Alessandria
2000 - Duetti, Fondazione Orestiadi, Ghibellina (TP), a cura di Achille Bonito Oliva,
Scenografie per il teatro:
1998 - Macbeth Remix, Festival di Spoleto (PG)
1993 - La Bella Addormentata, Piazza San Marco, Venezia
partecipa alla fondazione del Teatro del Suono di Genova disegnando scenografie per diversi spettacoli