Stampa
21
Apr
2008

CAFFI A GENOVA LA PERCEZIONE DEL PAESAGGIO LIGURE A META' OTTOCENTO

Pin It

Sino al 9 luglio 2006 una mostra dedicata alle opere di Ippolito Caffi (Belluno 1809 – Lissa 1866) realizzate in Liguria a metà Ottocento. Si tratta di circa cento opere tra tele, disegni e acquerelli, il cui nucleo più importante è costituito dalle vedute di Genova e delle Riviere, comprendendo anche Nizza, con prestiti importanti provenienti dalla Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro e dal Museo Correr di Venezia, e con un nutrito gruppo di materiali grafici provenienti da collezioni genovesi, soprattutto dal Centro di Documentazione per la Storia, l’Arte e l’Immagine di Genova del Comune di Genova.


La mostra genovese, ideata da Giorgio Rossini e a cura di Giorgio Rossini e Luca Leoncini, ha sede nel Teatro del Falcone del Museo di Palazzo Reale, restaurato nel 2004 con allestimento dell'architetto Stefano Fera, e si svolge in contemporanea alla seconda tappa della grande monografica sul pittore veneto in corso a Roma, al Museo di Roma, Palazzo Braschi, dal 15 febbraio al 2 maggio 2006.


Per Caffi la veduta è solo un approdo della sua curiosità di osservatore attento e partecipe, di indagatore di un universo-mondo variegato e tuttavia compatto e continuo, ininterrottamente collegato dai tragitti tra occidente e oriente che si sviluppano attorno al Mediterraneo. L’artista è avido nel catturare panorami e vedute, superando le prestazioni comunemente fornite dai paesaggisti classici e anticipando le campagne turistiche dei macchiaioli e degli altri paesaggisti del nostro secondo Ottocento.


Delle opere realizzate da Caffi negli anni genovesi, la mostra riunisce circa una trentina di tele. Tra cui Panorama di Genova (1849); Palazzo Doria a Genova; Genova vista dal Palazzo Doria; Genova vista da sotto lo Sperone; Genova, Riviera dal Ponente, Celle; La Lanterna a Genova; Veduta di S. Maria di Carignano; Panorama di Nizza; Nizza, S. Elena, tutti del 1851, e ancora Bagno delle donne a San Nazzaro di Albano presso Genova (1853); Burrasca vista dalla sommità d’un monte presso la Lanterna a Genova; Veduta dall’Acquasola a Genova; Recco Marina; Veduta del Bisagno; Camogli – Panorama; Sampierdarena; Marina presso la Foce del Bisagno, del 1854. Molto interessanti anche una decina di inediti emersi da collezioni private, che restituiscono un’immagine nitida ed una emozionante visione della città prima della Rivoluzione Industriale.


Inoltre è possibile mettere in relazione la produzione caffiana con alcune vedute realizzate in quegli anni a Genova sia dagli artisti locali sia dai numerosi pittori che scelsero la Liguria quale soggetto prediletto delle loro opere.

Non mancano infine alcuni esempi delle vedute eseguite da Caffi a Roma, Venezia e Napoli, e di quelle legate alla passione politica e all’esotismo.


tel: 39 800961993

fax: 39 02 6598300


Museo di Palazzo Reale, Teatro del Falcone

11 marzo 2006 / 09 luglio 2006

MOSTRA PROROGATA FINO AL 9 LUGLIO 2006

martedì - mercoledì dalle 9 alle 13.30 (martedì 25 aprile 9-19)
giovedì venerdì sabato domenica dalle 9 alle 19
Chiuso il lunedì (aperto il 17 e 24 aprile e il 1 maggio)

Biglietto: Intero/Full price € 5. Ridotto/Reduced € 4. Ridotto scuole/Reduced Schools € 2

Artisti rappresentati

Ippolito Caffi

Catalogo

Caffi e Genova, Ed. Skira