Stampa
14
Lug
2006

CHE COSA E' "IL GIOCO DEL PORTO"

Pin It
Cosa cíË dietro il container? Simulatore didattico: Il Gioco del Porto di Genova Studio di fattibilit‡ finanziato dal Parco Scientifico e Tecnologico della Liguria Docup Obiettivo 2 (2000 ñ 2006) Misura 3.7, Sottomisura D Diffusione e Trasferimento dellíInnovazione Se vi chiedo di pensare ad un porto, cosa vi viene in mente?  Il mare  Navi  Banchine Cosa vi viene in mente quando pensate al Porto di Genova?  La Lanterna  LíAcquario  La Citt‡ dei Bambini Questi sono i risultati ìin pilloleî di uníintervista ad alunni delle scuole medie inferiori che dimostra come il concetto di porto sia legato prevalentemente a quello di porto passeggeri e limitato a quello dellíarea del Porto Antico nella realt‡ genovese. Genova, citt‡ di traffici marittimi gi‡ in epoca pre-romana, ha negli ultimi tempi perso la sua identit‡ portuale. Díaltra parte il recupero del Porto Antico ha consentito di inserire Genova a pieno titolo fra le citt‡ europee che ospitano musei scientifici interattivi e in generale nel mondo ìedutainmentî ovvero la realizzazione pratica dello slogan molto in voga nel mondo ìmusealeî: ìinteragire, divertirsi, imparareî. La prima realizzazione risale al 1995 con líinaugurazione della Citt‡ dei Bambini, uníesposizione fedele nei contenuti e nella filosofia alla CitÈ des Enfants parigina, antesignana in Europa di una vera e propria rivoluzione culturale, consistente nel modo in cui scienza e tecnologia vengono messi in mostra, anzi in scena: la scienza diventa sociale, invita al dialogo, a condividere i propri segreti; in tal modo si viene a creare un processo di tipo conoscitivo, sensoriale ed emotivo tra museo e fruitore. Líofferta in termini di edutainment Ë stata nel frattempo ampliata a Genova con líAcquario e il Galata Museo del Mare che, per i contenuti proposti, costituisce líambiente ideale per ristabilire i giusti rapporti tra la citt‡ e il sua vocazione portuale e mercantile. Da queste considerazioni Ë nata líidea del Gioco del Porto, non un videogame bensÏ un simulatore didattico che consente a due squadre di giocatori di fronteggiarsi in una sfida fino allíultimo container, per scoprire líaffascinante mondo del porto mercantile, fonte di ricchezza per la citt‡. Líambiente Ë la riproduzione in grande scala di un porto reale, in cui i giocatori possono cimentarsi con le difficolt‡ di manovra di avvicinamento e attracco alla banchina di una portacontainer, dovendo fare i conti con le inerzie tipiche delle grandi navi. Sono inoltre previste tre tipologie di gru: ∑ la Paceco per le operazioni di carico e scarico dei container dalla nave alla banchina ∑ la gru a cavaliere per movimentare le merci sui treni che collegano le banchine ai parchi di stoccaggio ∑ e infine la grande gru a portale per lo stoccaggio dei container nel parco merci. Vince chi completa le operazioni nel tempo minore e con meno penalit‡. Ogni volta il gioco Ë diverso perchÈ cambiano i piani di carico e gli imprevisti sono sempre in agguato. PuÚ inoltre essere scalato a livello di difficolt‡ in rapporto alla fascia di et‡ dei giocatori. Lo scenario puÚ rappresentare Genova come qualunque altra realt‡ portuale per favorire líidentificazione del gioco con la citt‡ che lo ospita e consentire la scoperta, attraverso il divertimento, di cosa si nasconde dietro il container. Lo studio svolto ha evidenziato líinnovativit‡ del Gioco del Porto sia in termini di mercato che in termini tecnologici. Il progetto Ë fortemente multidisciplinare, in quanto richiede per la sua progettazione e realizzazione competenze che includono elementi didattici e psico-pedagogici per enfatizzarne la missione educativa, aspetti di robotica e automazione per la funzionalit‡ delle diverse componenti, elementi di ICT e multimedialit‡ per il controllo delle parti e líinterattivit‡, la modellistica per la riproduzione in scala dellíambiente e degli oggetti che lo costituiscono. Il progetto Ë stato proposto da Aitek S.p.A. (www.aitek.it), Sound Cage S.r.l. (www.soundcage.it), Telerobot S.r.l. (www.telerobot.it), un gruppo di societ‡ genovesi che per aspetti diversi opera nel settore della robotica, automazione, ICT e multimedialit‡; DB Model S.n.c. (www.geureka.com/dbmodel/), societ‡ che realizza prototipi e modelli architettonici, industriali e navali in scala; Costa Edutainment S.p.A., societ‡ leader nella gestione di grandi strutture pubbliche e private dedicate ad attivit‡ ricreative, culturali, didattiche, di studio e di ricerca scientifica, tra cui la Citt‡ dei Bambini, líAcquario di Genova e il Galata Museo del Mare. Lo studio Ë stato finanziato dal Parco Scientifico e Tecnologico della Liguria ed Ë stato realizzato da DIST (Dipartimento di Informatica Sistemistica e Telematica), Universit‡ di Genova per la parte tecnologica, DISA (Dipartimento di Scienze Antropologiche), Universit‡ di Genova per gli aspetti didattici e psico-pedagogici, e T BRIDGE S.p.A. per la fattibilit‡ commerciale ed economica.