Stampa
11
Apr
2007

CHIOSTRO DI S. MATTEO GENOVA: VINCENZO LO SASSO ìGHIACCIO BOLLENTEî DAL 12 APRILE AL 9 MAGGIO

Pin It
Inaugurazione: 12 Aprile 2007 ore 18.00.

Nella splendida cornice trecentesca del chiostro della chiesa di San Matteo nel cuore storico della città di Genova, inaugura, con il Patrocinio del Comune di Genova e il Patrocinio dell’Ordine degli Architetti di Genova, la mostra di Vincenzo Lo Sasso “Ghiaccio Bollente”: in esposizione una selezione di 12 opere di dimensioni 100X150 cm.

Vincenzo Lo Sasso utilizza una tecnica assolutamente propria: l’artista scopre, nel processo di fusione del metallo, un’alchimia che si concretizza nel solidificare i materiali metallici sulla base di metallo. Un paradosso tecnico, dipingere utilizzando il metallo sul metallo: attraverso questa tecnica originale, Lo Sasso riesce a realizzare una solidificazione che restituisce un cromatismo di grande pienezza e originalità.

Il titolo ossimorico “Ghiaccio Bollente” fa riferimento al paradosso della tecnica utilizzata, alla bollitura del metallo-colore e sulla lastra del metallo freddo.

Le opere di Lo Sasso riescono ad esprimere nel loro astrattismo informale una forza espressiva inusuale. Cromatismi informali su alluminio metallizzato eseguiti con tecnica libera avvalendosi di colori realizzati personalmente che solidificando restituiscono delle opere materiche bidimensionali con una consistenza pari al metallo.

Nota biografica

Lo Sasso nasce a Taranto nel 1954, dopo aver frequentato studi di architettura inizia il percorso artistico giovanissimo con un’intensa attività pittorica utilizzando medium e supporti tradizionali. A ventitre anni scopre la fotografia, ed inizia una lunga e fruttuosa collaborazione con testate come Vogue Italia, Vogue Bellezza, Uomo Mare,  Vogue travel, Linea Italiana. I’attività professionale si allarga al Teatro lavorando per il  Balletto d’arte contemporanea di SanPietroburgo e per il Teatro Stabile Ancona. Prosegue anche nel mondo dello spettacolo dove lavora per Eros Ramazzotti, Gianni Morandi, Anna Oxa, Spagna. La sua carriera prosegue e si concretizza anche in campo pubblicitario. Realizza lavori professionali per  Oreal, Wella, Schwarzkopf  e note aziende di moda, spostandosi  prevalentemente tra New York e Milano. In seguito ad innumerevoli sperimentazioni su supporti e nuovi medium per basi colore Lo Sasso realizza una nuova formula per l’ utilizzo della materia composta da alluminio e colori metallici ricavati in maniera unica. Il risultato sono opere d’arte  raffiguranti cromatismi informali. Nel novembre 2006 partecipa invitato come artista alla prima esposizione Italiana organizzata da Casadecor al Parcheggio Traversi Milano. Nel Febbraio 2007 partecipa alla Fiera Luxory  and Yachts di Verona nella sezione allestimenti gallerie con un opera di 8 m x 3m x 3m.
 

Vincenzo Silvio Antonio Lo Sasso

Nato a Taranto 23/07/1954, ha frequentato Studi di architettura.
Inizia il percorso artistico giovanissimo, con un’intensa attività pittorica utilizzando medium tradizionali (olio, tempera, e altri) su supporti quali tela, carta macerata incollata su balsa e legno. I soggetti protagonisti del suo lavoro sono essenzialmente figure.
In questi anni studia l’alchimia, in senso scientifico, rifacendosi ai trattati del Cennini, sull’utilizzo delle fusioni e di vari materiali.
A ventitrè anni scopre la fotografia, ed inizia una lunga e fruttuosa collaborazione con testate come Vogue Italia,  Vogue Bellezza, Uomo Mare,  Vogue travel, Linea Italiana.
Il campo di attività professionale si allarga anche al Teatro. Lavora per il Balletto d’arte contemporanea di San Pietroburgo e il Teatro Stabile di Ancona.
Prosegue la sua attività lavorando anche per il mondo dello spettacolo.
Lavora per Eros Ramazzotti, Gianni Morandi, Anna Oxa, Spagna.
La sua carriera prosegue e si concretizza anche nella pubblicità. Realizza
lavori professionali per Oreal, Wella, Schwarzkopf  e note aziende di moda, spostandosi  prevalentemente  tra New York e Milano.
In seguito ad innumerevoli sperimentazioni su supporti e nuovi media per basi colore, Lo Sasso realizza una nuova formula per l’utilizzo della materia composta da  alluminio e colori metallici ricavati in maniera unica. Il risultato sono opere d’arte raffiguranti cromatismi informali.
Nel novembre 2006 partecipa, invitato come artista, alla prima esposizione italiana organizzata da Casadecor al Parcheggio Traversi Milano con dodici opere di  cm. 100 x 150. Nel Febbraio 2007 partecipo alla Fiera Luxory  and Yachts di Verona nella sezione allestimenti gallerie con un opera di 8 m x 3m x 3m.


“GHIACCIO BOLLENTE”
Vincenzo Lo Sasso
CHIOSTRO DI S. MATTEO GENOVA
Piazza S. Matteo Genova
Curatore della mostra: Maurizio Sciaccaluga
Inaugurazione 12 Aprile 2006 ore 18.00
Durata esposizione: 13 Aprile 9 Maggio 2007
Orari: dalle ore 10,30 alle 18,00

Per Informazioni:
info@artecomunicazione.it