Stampa
09
Set
2008

FORME E PROFUMI MEDITERRANEI DI VINCENZO CALLI A FINALBORGO

Pin It

Gli ultimi lavori del pittore Vincenzo Calli saranno esposti per la prima volta dal 6 settembre al 5 ottobre all’Oratorio de’  Disciplinanti in Finalborgo, nell’ambito della mostra “Forme e profumi mediterranei” promossa dall’Assessorato alla cultura del Comune di Finale Ligure. Si tratta di opere inedite, che l’artista ha realizzato negli ultimi anni.
Nato nel 1953 e diplomato all’Istituto d’arte di San Sepolcro, Vincenzo Calli ha tenuto la sua prima mostra a soli 21 anni. Le mostre più recenti lo hanno visto esporre negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, dove le sue opere sono state ospitate alla Camino Real Gallery (Florida) e alla Albemarle Gallery e Belgravia Gallery (Londra).
Nel 2001 ha presentato a Palazzo Casali a Cortona una mostra dal titolo "Emozioni mediterranee", con catalogo curato da John T. Spike. Nel 2002 è stato invitato a partecipare a due importanti mostre in Sicilia. Nel 2004 ha esposto a Palazzo Inghirami a Sansepolcro (AR) e a presentare il catalogo è stato Vittorio Sgarbi.
 Nel 2005 ha esposto al  Palagio di Parte Guelfa, in una mostra organizzata dal Comune di Firenze e presentata dall’allora assessore Eugenio Giani. Nel 2005 è stato invitato a Napoli, alla Villa Comunale "Casina Pompeiana", per una mostra inaugurata dal sindaco Rosa Russo Iervolino.
 Il 2007 è l'anno in cui l'artista è tornato ad esporre nella sua città, Anghiari, dove la Sovrintendenza alle belle Arti di Arezzo ha organizzato, al Museo Statale Taglieschi, una sua personale dal titolo "Ab Ovo - Essenze sospese". 
Nel 2009 esporrà a Calgary, per iniziativa dell’Istituto Italiano in Canada.

Le opere del pittore sono in permanenza nelle gallerie:

Camino Real Gallery Boca Raton - Florida (USA)
Albemarle Gallery - Londra (Gran Bretagna)
Fomara Gallery - Marbella (Spagna).

"Penso che nell'arte ci sia il bisogno di provocare qualcosa di più che un'emozione estetica, è necessario andare oltre, è il miracolo dell'attimo sospeso. Quando lo spazio non ha più nulla di fisico, ma diventa un'emozione proveniente dal cuore e dalle profondità nascoste della mente" (V. Calli).

BIOGRAFIA
Vincenzo Calli nasce nel 1953. Dopo essersi diplomato all'Istituto d'Arte di Sansepolcro, frequenta l'Accademia delle Belle Arti di Firenze. A soli 21 anni tiene la sua prima mostra.

Nel 1984 inizia l'avventura "americana": è invitato, infatti, ad esporre nella World's Fair Exposition - New Orleans (Louisiana). Ottiene i riconoscimenti della critica nel 1986 con il premio "Arte 86" della rivista Mondatori per la pittura ed è invitato ad esporre da importanti gallerie: Roma "Parametro", Milano "Salomon e Augostoni Algranti".
E' nel 1993 che il gallerista Michel Douberville, dopo aver visto una sua tecnica mista, invita l'artista con una personale presso la storica Galleria d'Arte Bemheim-Jeune di Parigi, dove esposero i grandi della pittura (Renoir, Cézanne, Van Gogh e Modiglioni). Il catalogo fu presentato dal critico francese Roger Bouillot e dallo scrittore Alberto Bevilacqua.
La Provincia di Firenze gli dedica nel 1997 una personale dal titolo "Messaggi anomali" a Palazzo Pinucci, organizzata dalla Galleria Vialarga. Nello stesso anno riprende la via degli Stati Uniti invitato dalla "Camino Real Gallery" per una personale in Boca Raton (Florida), il catalogo è firmato da William Biety.
Nel 1999 torna ai luoghi d'origine esponendo nella casa di Piero Della Francesca in Sansepolcro con una personale dal titolo "Dalla mente al cuore", catalogo presentato da Augusta Monferini.
Le mostre più recenti, nell’anno 2000, vedono l'artista esporre negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, dove le sue opere sono state ospitate rispettivamente nella Camino Real Gallery (Florida), a Londra alla Albemarle Gallery e alla Belgravia Gallery. Nel 2001 espone a Palazzo Casali di Cortona dal titolo "Emozioni mediterranee", presenta il catalogo John T. Spike. Nell'anno 2002 viene invitato in Sicilia in due importanti mostre. Nel 2004 espone a Palazzo Inghirami a Sansepolcro (AR). Presenta il catalogo Vittorio Sgarbi. Nel 2005 espone presso il Palagio di Parte Guelfa, organizzata dal Comune di Firenze, presenta la mostra l'assessore Eugenio Giani.
Nel 2005 è invitato a Napoli nella Villa Comunale "Casina Pompeiana", inaugura la mostra il sindaco Rosa Russo Iervolino. Il 2007 è l'anno in cui l'artista ritorna esporre nella sua città di Anghiari, dove la sopraintendenza delle belle Arti di Arezzo gli organizza nel Museo Statale Taglieschi la personale dal titolo "Ab Ovo - Essenze sospese".

Vincenzo Calli vive e lavora nel suo studio in Anghiari (Arezzo), antica città medievale che domina l’alta Valle del Tevere.


Vincenzo Calli

Oratorio de’ Disciplinanti, piazza Santa Caterina, Finalborgo
DAL 6 SETTEMBRE AL 5 OTTOBRE 2008

Aperto tutti i giorni dalle 15 alle 20 (chiuso il martedì)
Ingresso libero