Stampa
03
Mag
2006

GAM DI NERVI-L'ANGELO ONETO

Pin It
Notizie intorno allíopera: LíAngelo Oneto Nellíambito della mostra in corso Ottocento in salotto, ospitata nelle sale della Galleria díArte Moderna, líopera proposta Ë il modello in gesso per il monumento funerario a Francesco Oneto, ricco commerciante e banchiere genovese (morto nel 1879), padre di Teresa, una delle figure centrali dellíesposizione; commissionato a Giulio Monteverde (Bistagno 8/10/1837- Roma 3/10/1917) dalla figlia e dal marito, Benedetto Maglione, probabilmente incontrato durante uno dei soggiorni dello scultore a Napoli, dove la coppia di sposi si era trasferita subito dopo le nozze avvenute nel 1867 e dove gi‡ i Maglione risiedevano per curare i loro interessi economici. La scultura confluisce in comodato alla Gipsoteca Monteverde di Bistagno grazie alla concessione da parte delle Civiche Collezioni della citt‡ di Genova: le figlie dellíartista, infatti, donarono alla Galleria díArte Moderna, nel 1919, un nucleo di quaranta gessi provenienti dallo studio romano dello scultore, gran parte dei quali ancora conservati alla GAM. Il gesso, che risultava acefalo, Ë ora presentato in mostra con il calco della testa, tratto dal monumento in marmo bianco che Ë collocato nel XIII nicchione del porticato superiore a ponente del cimitero di Staglieno a Genova. Líandrogino angelo, colto in assorta meditazione, Ë appoggiato al centro di un semplice sarcofago di cui, grazie al restauro del 1991, Ë stato recuperato líoriginale colore rosso mattone, oltre che la ricostruzione dellíala sinistra; ma la novit‡ introdotta dal Monteverde nellíambito della plastica cimiteriale, sta nel fatto che la figura perde la sua connotazione cristiana di guida verso líaldil‡, ìper divenire testimone dellíambiguo mistero del nullaî ( Valenti 2000), come pi˘ volte osservato, contrariamente alla tradizione iconografica dellíangelo cristiano che rassicurante accompagna il defunto al paradiso, líartista fa assumere alla statua sembianze femminili, forme muliebri e sensuali, pi˘ vicine dunque al futuro linguaggio decadente e simbolista. Líopera, scelta dal Monteverde come modello da riproporre nella propria cappella funeraria ñ Roma, Cimitero del Varano ñ avr‡ enorme fortuna, tanto da essere replicata innumerevoli volte, sia direttamente dallíartista che indirettamente, non solo in Italia, ma anche nel resto díEuropa e perfino Oltreoceano. GAM - Galleria d'Arte Moderna con opere della collezione Wolfson Via Capolungo, 3 - Genova Nervi info 010 3726025 - e-mail biglietteriagam@comune.genova.it servizio tesserati: newslettergam@comune.genova.it