Stampa
02
Feb
2008

GENOVA. A SATURA, "SIMETI LA PITTURA COME OGGETTO"

Pin It

SATURA associazione culturale, in collaborazione con PoleschiArte, e con i patrocini di Provincia e Comune di Genova, presenta la mostra “Simeti. La pittura come oggetto”. L’artista, storicamente legato a Genova per un noto happening che tenne alla galleria la Bertesca nel 1971 durante il quale distrusse con una mazza un aliante, torna in città quale “inventore” consacrato, insieme a Castellani e Bonalumi, delle estroflessioni.
Francesco Tedeschi dice che “ci sono artisti che sembrano dire una sola parola per tutta la vita”; e così ha fatto e continua a fare Simeti assumendo l’ellisse quale cifra primaria nella sua composizione pittorica.

Turi lavora non sulla tela ma con la tela costruendo un supporto architettonico aggettante che sorregge una rigorosa pittura monocromatica sulla quale inserisce una o più forme ellittiche.
Passata l’esperienza informale, comune a quasi tutti gli artisti della sua generazione, terminata nel ’60 – ’61 con delle forti tangenze con Burri, Simeti si concentra sul concetto di “quadro” che grazie al paradigma “dell’arte per l’arte”, diventa oggetto esso stesso.
Dato evidente del suo lavoro sono il rigore, la lucidità e la razionalità con i quali trasforma il colore in pittura e crea un’opera che vive grazie alla luce.
Dal 1962 ha assunto la forma primaria dell’uovo, prima serializzata in rilievo mediante collage e poi ottenuta attraverso spessori di legno ritagliati e apposti sotto la tela. Così facendo il telaio anziché nido di forme diventa forma esso stesso.

La personale presenta, oltre alcuni lavori degli esordi, soprattutto opere che vanno dal 1990 al 2004 e quindi rappresentativi degli anni della sua maggiore notorietà.

La rassegna inaugura il 23 febbraio in concomitanza con la mostra mercato Arte Genova che si terrà alla fiera di Piazzale Kennedy, per accontentare tutti i collezionisti che cercano, oltre a un gran numero di artisti differenti, anche la possibilità di confrontare tra di loro pezzi dello stesso autore.

SATURA associazione culturale: tel.010-2468284 cell. 338-2916243 info@satura.it