Stampa
31
Dic
2005

LA VERITA' NON ESISTE. ALESSANDRO NASSIRI TABIBZADEH A GENOVA

Pin It
Galeotta Ë stata ìWhite - La notte delle artiî di venerdÏ 23 dicembre. Una notte lunghissima ñdal tardo pomeriggio fino alle quattro del mattino successivo- durante la quale negozi aperti, gallerie, spettacoli, performance e dj set hanno scaldato líantivigiglia natalizia dei genovesi. Per líoccasione, quattro piazze del centro storico hanno ospitato altrettante installazioni díarte contemporanea, curate da gallerie genovesi. A San Lorenzo, di fronte alla Cattedrale, protagonista dellíinstallazione -seguita dalla galleria Marco Canepa- il video del giovanissimo artista milanese -classe 1975- Alessandro Nassiri Tabibzadeh. Girato durante la settimana della kermesse genovese, il video riprende líartista mentre si aggira per le strade, le piazze e i vicoli della Superba, impugnando tra le mani un lunghissimo filo. Questo tiene legati 9 palloncini colorati, riempiti di elio, grazie ai quali volteggiano, in tutta la loro luminosa allegria, lettere coloratissime che vanno a comporre la frase ìLa verit‡ non esisteî. Il video incuriosisce e cattura líattenzione per la situazione anomala, leggermente surreale: i colori accesi della luminaria -che volteggia incauta sulle teste dei passanti e ridisegna per brevi attimi lo spazio urbano- fanno da sfondo a questo vero e proprio ìdÈtournementî nei meandri dellíantica Genova. Ma la scanzonata vivacit‡ del colore, dei palloncini e della luminaria, risulta corrosa dalla schiettezza della frase che le lettere compongono. ìLa verit‡ non esisteî tocca, nella sua generalit‡, infinite realt‡ e situazioni, in primis líimpossibilit‡ ñparadossalmente proprio nellíera della globalizzazione dei mezzi di comunicazione- di accedere a uníinformazione schietta e incontestabile. Quante sono le menzogne ñe, ancora peggio, le mezze verit‡- che ogni giorno crediamo essere realt‡? Alessandro Nassiri Tabibzadeh non offre una risposta ma vuole instillare il dubbio e líirrequietezza. Ricordare che nulla Ë ciÚ che sembra e che Ë proprio, anche e soprattutto, a partire dal nulla ñle situazioni pi˘ domestiche e quotidiane che pure celano líeccezionalit‡- che bisogna iniziare a cercare uníalternativa. L.C.