Stampa
15
Mar
2007

LE FOTO DI BERENGO GARDIN A PALAZZO ROSSO

Pin It

Sarà inaugurata venerdì 16 marzo, alle ore 17.30 presso Palazzo Rosso, la mostra,  “Un paesaggio italiano. Una Comunità Montana in Liguria: Le Terre del Giovo” che vede protagonista l’opera dell’artista Gianni Berengo Gardin.
La mostra, organizzata dalla Comunità Montana del Giovo in collaborazione con il Settore Musei del Comune di Genova -  Centro di Documentazione per la Storia, l’Arte, l’Immagine di Genova e la FNAC, è aperta al pubblico dal 17 marzo al 6 maggio,  ed è ospitata a Palazzo Rosso,  nell’Auditorium dei Musei di Strada Nuova.

La mostra fa parte del progetto Genova Fotografia, nato in seno al Settore Musei del Comune di Genova nell’intento di promuovere e divulgare l’arte della fotografia, di scoprire e di valorizzare il patrimonio fotografico diffuso sul nostro territorio, di offrire ai giovani ed ai meno giovani,  attivi in Liguria o legati alla nostra regione, un’ulteriore opportunità creativa. Genova Fotografia ospita, fra le altre,  rassegne dedicate ai grandi maestri e ai grandi movimenti, nazionali e internazionali e rappresenta un momento di contatto per operatori ed istituzioni che a diverso titolo si occupano di fotografia, di metodi e di strumenti indispensabili a garantirne la corretta conservazione.

A febbraio 2007 il progetto è decollato con “Gabbie”, un percorso in  30 immagini, in bianco e nero, di due fotografe contemporanee. Oggi il ciclo di esposizioni prosegue – appunto – con l’opera di Gianni Berengo Gardin.

Per valorizzare e far conoscere tutte le peculiarità della Comunità Montana del Giovo, in Provincia di Savona, che comprende i comuni costieri di Albissola Marina, Albisola Superiore, Bergeggi, Celle Ligure, Vado Ligure e Varazze e quelli montani di Giusvalla, Mioglia, Pontinvrea, Quiliano, Sassello, Stella e Urbe,  la Comunità del Giovo ha avviato, nel 2006, una campagna fotografica interamente realizzata dal fotografo Gianni Berengo Gardin e suddivisa in quattro periodi per fare in modo di poter documentare tutti gli aspetti del territorio all’interno delle quattro stagioni. Un territorio in cui si incontrano paesaggi, attività produttive e tradizioni diverse, tutti elementi che,  nonostante il trascorrere del tempo, non hanno subito sensibili cambiamenti e hanno mantenuto una loro identità.

 Nelle immagini sono catturati gli aspetti culturali, sociali, tradizionali ed umani che lo animano, assumendo, quindi, la doppia valenza di testimonianza documentaristica e di messaggio turistico non convenzionale volto alla presentazione reale e sincera del territorio. Le fotografie documentano il corso delle stagioni e delle attività presenti sul territorio dai mestieri locali, alle attività turistico/sportive, alle realtà produttive senza però tralasciare il paesaggio filo conduttore di tutta la campagna.

Il catalogo è della casa editrice EGA  di Torino che, dello stesso autore, ha già curato il volume “Le Italiane” e la relativa mostra, e le immagini – circa 100 -  sono introdotte dalla prefazione dello scrittore Maurizio Maggiani.