Stampa
20
Mar
2006

LE OPERE DI ALBINO GALVANO IN MOSTRA A BOGLIASCO DA ULISSE INCONTRARE L'ARTE FINO AL 2 APRILE

Pin It
DAL 4 MARZO AL 2 APRILE 2006 ALBINO GALVANO IN PRINCIPIO E' L'IMMAGINE ULISSE INCONTRARE L'ARTE VIA MAZZINI 67 16031 BOGLIASCO-GENOVA www.ulisseincontrarelarte.com Albino Galvano (Torino 1907-1990) "pittore, critico, storico d'arte, filosofo, amante della psicoanalisi ed interessato alle Avanguardie". Frequenta il Liceo D'Azeglio di Torino, ove ha compagno di studi e di banco Giulio Carlo Argan. Dal 1928 al 1930 frequenta la Scuola di via Galliari retta da Felice Casorati. Nel 1945 con F. Antonicelli, F. Menzio e L. Geymonat fonda l'Unione Culturale di Torino. » assistente alla cattedra di pittura di E. Paulucci all'AccademiaAlbertina, successivamente professore di figura disegnata all'Istituto di Arte di Castellamonte e al Liceo Artistico di Torino. Insegna filosofia e storia al liceo di Livorno e di Torino, collabora a "L'Arte" di Lionello Venturi, a "L'Italia Letteraria", a "Emporium" ed a "II Selvaggio" e "Le Arti" dirette da Mino Maccari. Nel 1946 fonda con Pippo Oriani la rivista "Tendenza", cura la critica d'arte su La Nuova Stampa e sul Mondo Nuovo, inizia la partecipazione alle mostre dell' "Art Club" internazionale in Italia e in Europa. Partecipa alle Biennali di Venezia del 1930,1936,1948, 1950, 1952,1954, 1956, quasi ininterrottamente dal 1932 alle Esposizioni annuali della Societ‡ Promotrice delle Belle Arti di Torino e alla Quadriennale di Roma negli anni 1931, 1935,1948,1965. Nel 1950 come promotore della sezione torinese del MAC (Movimento Arte Concreta) insieme ad Annibale Biglione, Carol Rama, Paola Levi Montalcini, Adriano Parisot e Filippo Scroppo diviene animatore e protagonista del risveglio artistico della Torino del dopoguerra, segnando dei punti fermi nell'arte contemporanea,. "Analizza costantemente la sua posizione di critico d'arte in rapporto alla sua opera di pittore" (R. Guasco, 1979). » accomunato da affinit‡ elettiva con Italo Cremona, Carlo Mollino, Mattia Moreni e tra i giovani con Eugenio Battisti, Elemire Zolla, Giorgio Manganelli, Pietro Citati e, il pi˘ vicino e il pi˘ caro di tutti, Edoardo Sanguineti. Come segnala G. Auneddu proprio l'allievo e amico. Sanguineti, nell'approfondire in Galvano (il pittore e il Maestro di cultura), il rapporto tra pensiero e creazione visuale, precisa con giustezza in uno scritto del 1974, che il saggista "con i suoi infiniti interessi e la sua sterminata cultura, rappresenta proprio alla lettera, la fondazione ideologica e filosofica della sua formazione artistica". Mostre personali 1946 Libreria del Bosco, Torino 1957; Galleria La Strozzina, Firenze; 1960 Galleria II Canale,Venezia; 1966 Galleria Botero, Torino; 1967 Societ‡ Promotrice Belle Arti, Torino; 1968 Galleria I Portici, Cremona; 1972 Galleria La Saletta, Cuneo; 1974 Galleria Martano, Torino - Galleria Unimedia, Genova; 1975 Studio R. Cuneo; 1976 Galleria La Cittadella, Torino; 1978 Galleria La Cornice, Cavallermaggiore; 1979 Palazzo Chiablese, Torino (Mostra Antologica); 1979 Galleria Morone 6, Milano; 1980 Galleria Maggiorottto, Cavallermaggiore; 1988 Galleria Micro, Torino; 1990 Galleria Villata, Cerrina Monferrato (AT;) 1992 Circolo degli Artisti, Torino (Mostra Antologica); 1993 Over Studio, Torino; 1995 Centre Saint Benin Aosta (Mostra Antologica); 1999 Galleria Accademia, Torino; 2005 Palazzo Comunale, Bibiana (TO); 2006 Ulisse Incontrare l'arte, Bogliasco (GE)