Stampa
22
Mag
2006

LEE BON GYU A SATURA DAL 27 MAGGIO

Pin It
LEE BON GYU sabato 27 maggio 2006 ore 17,00 Mostra personale di Lee Bon Gyu . A cura di Monica Michelotti. Con il Patrocinio di Provincia e Comune di Genova, síinaugura, nella sede dellíAssociazione Culturale Satura (Piazza Stella 5/1), sabato 27 maggio 2006 alle ore 17:00, la mostra personale di Lee Bon Gyu. A cura di Monica Michelotti. Nella scultura di Lee Bon Gyu emergono forme geometriche perfette, fondali illuminati da acque cristalline e trasparenti, pietre galleggianti non sottoposte al peso della gravit‡. Tanti piccoli cubi ricostruiscono forme diverse, speroni rocciosi, ali d'uccello, simboli di organi genitali maschili e femminili. Le superfici del marmo vengono riempite o svuotate da punti a volte piccoli ed invisibili e altre volte molto evidenti, essi sono simili ad una sinfonia musicale, dove si possono udire note acute e lievi. All'interno di una forma geometrica si trovano spaccature, ferite, dove la luce esterna sembra lasciare intravedere la parte interna, nascosta e misteriosa della materia. Le fratture volute dell'artista ci mostrano come nel lavoro creativo, qualunque sia la gioia del creare, cíË sempre un elemento importante di sofferenza. Lee Bon Gyu gioca con il marmo, ed Ë un modo sia di esplorare che di controllare la realt‡ Ë un modo di scoprire le potenzialit‡ e i limiti del materiale. Giocare come sognare, Ë un modo di elaborare una fantasia che puÚ essere conscia o inconscia. Gioco e arte, hanno entrambi bisogno dell'immaginazione. Lee Bon Gyu attraverso le sue sculture, cerca di comunicare con gli altri e provocare nel pubblico un interesse. L'essenza del suo lavoro scultoreo, sta nel suo linguaggio espressivo autentico, semplice con soluzioni nuove. Tutti i bambini e tutti gli adulti giocano, perÚ pochi diventano artisti. Auguro a Lee Bon Gyu che la strada intrapresa, gli porti buoni frutti e sappia donare un messaggio espressivo forte, per tradurre il suo sogno in realt‡.