Stampa
12
Apr
2007

LOANO ARTE: INAUGURAZIONE DELLA "FONTANA DELLE ORE" UN OPERA DI SANDRO LORENZELLI

Pin It

Domenica 15 aprile, alle 11.30, a Loano sarà inaugurata la “Fontana delle ore” di Sandro Lorenzini, opera che andrà ad arricchire la galleria d’arte a cielo aperto della città.
Loano Fontane d'Arte è il titolo del progetto che l’Amministrazione Comunale di Loano ha avviato qualche anno fa portando l'arte nella “piazza” dei loanesi, il lungomare. Si tratta di una iniziativa che affonda le radici nella tradizione e nella storia di Loano ed in particolar modo nel periodo di dominazione della famiglia Doria, quando si afferma la scelta di abbellire lo spazio cittadino attraverso la realizzazione di  fontane.

“La decisione di commissionare ad artisti di fama internazionale opere d’arte di sicuro valore” spiega il Sindaco di Loano, Angelo Vaccarezza  “si configura non solo come una scelta di carattere architettonico strettamente legata all’arredo urbano, ma anche e soprattutto come un investimento culturale e turistico che si collega direttamente all’immagine della città.”

“Il progetto Loano Fontane d’arte così come Arte a Palazzo Doria” aggiunge l’Assessore al Turismo e alla Cultura, Nicoletta Marconi “hanno l’obiettivo di rafforzare il legame tra l'arte e il territorio. Il nostro intento è quello di portare l’arte tra i cittadini, dando impulso alla produzione artistica contemporanea e avviando  un processo di crescita culturale.”

La fontana di Sandro Lorenzini ha trovato posto in Via Stella. Lorenzini, ha realizzato per Loano una fontana composta da 24 totem dove sono raffigurati simboli che si collegano alla storia di Loano. Da ogni totem esce uno zampillo d’acqua che inizia a scorrere con lo scadere dell’ora. 
Dodici colonne fatte di moduli diversi e simili di coni e di sfere in pietra e in ceramica, di tanti colori, di altezze diverse, in un mucchio vivace e felice dentro la vasca dell’acqua. In cima ad ognuna c’è un segno, un simbolo d’oro, il tesoro che riempie un pezzetto di tempo (il sole, la luna, una stella, un pesce, una gallinella, una fiamma, una nuvola, un uovo, un fiore, un cuore, un vaso, la mano di un uomo).
Ad ogni ora che passa una colonna zampilla, l’acqua che bagna la pietra le cambia il colore, scivola sugli smalti del gres, canta e schizza e saltella e scende nella vasca.  Ad ogni ora una colonna si aggiunge.  A mezzogiorno, a mezzanotte zampillano tutte insieme.

“Quando mi è stato chiesto di pensare ad una fontana importante e un po’ diversa per la Città di Loano,” dice Sandro Loarenzini “la prima idea che si è presentata alla mia mente è stata quella di una fontana viva, che avesse una sua vita dinamica e indiscutibile, indipendente dal fatto che l’acqua che zampilla da un tubo sia di per se stessa un segno di vita.  Ho capito allora che avrei dovuto giocare col tempo.
L’elemento dinamico e vitale dell’acqua avrebbe potuto essere nella mia fontana il segno ed il senso della giostra del tempo.   La giostra delle ore.   La fontana delle ore.
Le ore, una dopo l’altra, sono i pezzetti di tempo che tutte insieme fanno la vita dell’uomo.  Tutte diverse e tutte simili, in fila ordinata o ammucchiate insieme,  ma tutte attraversate dal filo della nostra vita.  Come un filo d’acqua.”