Stampa
15
Lug
2008

MAURO MANFREDI. IN MOSTRA ALLA SPEZIA

Pin It
MAURO MANFREDI. LA PAROLA TOTALE. OPERE 1967-2004
presso il CAMeC - Centro Arte Moderna e Contemporanea,
La Spezia, dal 20 luglio al 2 novembre 2008,
con inaugurazione sabato 19 luglio 2008, ore 18.00.
MAURO MANFREDI “CICLI NARRATIVI” 1967-2004
Mauro Manfredi, nato a Parma nel 1933 è deceduto a Sarzana (La Spezia) nel 2004. Laureato in Geologia, per alcuni anni si è occupato diattività scientifiche, elemento che si ritroverà di continuo nella suo fare artistico. Tra i fondatori nel 1968 della Galleria IL GABBIANO arte contemporanea della Spezia, si è avvicinato all'arte verso la metà degli anni'60, realizzando opere vicine alle ricerche della Poesia Concreta.
Successivamente conduce un personalissimo percorso artistico in continua evoluzione, ritmato da periodi diversi, veri e propri “cicli narrativi”, dove la parola scritta diventa il filo conduttore, e resterà l’elemento determinante e costante del suo linguaggio e della sua poetica, quale principale contenuto e forma estetica, caratterizzato, inoltre, da una personale tecnica analitica e concettuale di tessitura, composizione, ritaglio e collage. Dopo un'esperienza vicina alla poesia concreta tra il '67 e il '69, infatti, dal 1980 segno costante
diventa la parola: pretesto e via obbligata per ironici avviluppamenti (La parola avvolgente) o per ravvolgimenti su se stessa in ludiche coagulazioni simili a rotoballe (La fienagione delle parole) o per viaggiare in un percorso labirintico (Reisebilder) o per una analisi del linguaggio fatta attraverso la sua distillazione (Essenze poetiche) o, ancora, per attivare strumenti musicali inventati (Fluxorium). Successivamente si è dedicato a una "geo/grafia" che rivela nuovamente la sua formazione di geologo. Numerose sono le mostre personali in Italia e all'estero, così come numerosissime sono le partecipazioni a esposizioni collettive. Tra le ultime personali: a Genova alla galleria Studio Leonardi e alla galleria Caterina Gualco, a Münster (Germania) alla galleria Etage, a Roma alla galleria Centro di Sarro, a Bari alla galleria Museo Nuova Era, a Pisa allo Studio Gennai, in Svizzera al Museo di Charmey, a Bolzano alla Galleria Spazia, a New York alla Medialia ... Rack and Hamper Gallery.
Viene invitato alle più significative rassegne internazionali di Poesia Visiva e di Libri d’artista, come: Biennale di Mexico City, Festival di Victoria (Australia), Internazionale a Bento Goncalves inBrasile. In Italia: Poesia totale a Mantova, Parole da vedere a Bologna, Parole in vista a Caltanissetta. Partecipa alle rassegne Fluxus al Fluxeum di Wiesbaden. E' stato inoltre invitato alla XXII Biennale di S. Paolo del Brasile e alle mostre Ascoltare l’immagine al Museo di Serravezza, Il libro d'artista in Italia alla Galleria d'Arte Moderna di Torino, Fotoalchimie al Museo Pecci di Prato, A shriek from an invisible box al Meguro Museum di Tokio. Nel 2002 una sua opera entra a far parte della Collezione permanente del Museo Pecci di Prato. Nel 2008 la sua opera è inserita nella rassegna La parola mostra il suo corpo, forme della verbovisualità contemporanea come evento inaugurale del Museo Della Carale Accattino di Ivrea. È presente con opere e libri d’artista in vari Musei e Archivi internazionali: Miami, Archivio Sackner; New York, Moma Library; Londra, British Museum; Parigi, Archivio Galleria Caroline Corre; New York, Archivio Galleria Granari Books; Senigallia, Museo dell’Informazione; Wiesbaden, Fluxeum; Lisbona, The Nomad Museum; Prato, Centro per l’Arte Contemporanea Museo Luigi Pecci; La Spezia, CAMeC –
Centro per Arte Moderna e Contemporanea.