Stampa
14
Feb
2010

MOSTRE. BAD GIRLS: GOOD GIRLS GO TO HEAVEN, BAD GIRLS GO EVERYVVHERE

Pin It

La mostra « Bad Girls : good girls go to heaven, bad girls go everywhere », si inaugurerà nei due spazi di Piazza Invrea a Genova, martedì 23 febbraio 2010 dalle 18:00 alle 21:00. L'idea di una mostra insieme é nata non solo dalla posizione delle due gallerie che si affacciano su Piazza Invrea, nel cuore di Genova, a un passo da Piazza San Lorenzo, ma anche  dal desiderio di continuare il lavoro di sinergia che le gallerie genovesi stanno portando avanti da qualche tempo.

 
Saranno presenti in mostra 43 artiste: Marina Abramovic, Vanessa Beecroft,  Connie Bellantonio, Stefania Beretta, Daniela Carati,  Silvia Camporesi, Sandra Chiesa,  Alessia De Montis, Niki De Saint-Phalle,  Tracy Emin, Ivana Falconi,  Limbania Fieschi, Francesca Galliani,  Nan Goldin,  Zoé Gruni,  Dorothy Hong,  Carla Iacono,  Mirta Kokalj,  Noris Lazzarini, Silvia Levenson, Manon, Federica Marangoni,  Mary Ellen Mark,  Malena Mazza,   Paola Mongelli, Charlotte Moormann, Shirin Neshat, Anna Oberto,  Yoko Ono, Meret Oppenheim, Orlan,  Gina Pane, Alessandra Pedonesi,  Carol Rama,  Elettra Ranno,  Bettina Rheims, Gretta Sarfaty, Carolee Schneemann  Sandy Skoglund, Berty Skuber,  Kiki Smith, Alessandra Vinotto,  Laura Zicari
Sono tre generazioni di artiste contemporanee, il cui lavoro si muove fondamentalmente nell'ambito dell'installazione, della performance, della fotografia e del video accomunate da una energia specificamente femminile.

Scrive Viana Conti: "Dare appuntamento in galleria alle cosiddette Bad Girls della storia dell'arte, non intende ricalcare la formula glamour di una compilation musicale, di un film di richiamo erotico, di un serial televisivo, di un disinibito affondo letterario... ma intende dare immagine a una provocazione autoironica, storicamente e visivamente ben architettata dalle galleriste Caterina Gualco, attiva dagli anni Settanta, e Clelia Belgrado, di una generazione successiva, interessata alla storia e alla contemporaneità del linguaggio fotografico. La donna, tendenzialmente oggetto di rappresentazione, qui è finalmente soggetto; prendendosi ora la libertà di volgersi verso qualsiasi interesse, si dispone alla ricerca di un'autorappresentazione di ordine ontologico, in cui la propria immagine non cessi di illuminare gradualmente una realtà interiore ancora oscura: la propria. Questa rassegna multimediale al femminile, un po' anarcoide, un po' canzonatoria, senz'altro politicamente scorretta, muove dagli anni Quaranta per arrivare fino ad oggi".

E le nostre Bad Girls, potrebbero tutte dire con Mae West - la vessillifera delle cattive ragazze : «When I'm good, I'm very good, but when I'm bad, I' m better ».
         
Catalogo con testo di Viana Conti in galleria. Durante la mostra, che continuerà fino al 30 marzo 2010, saranno organizzati incontri e proiezioni video, in data da comunicare.
 
Dal 23 febbraio al 30 marzo 2010 Inaugurazione martedì 23 febbraio dalle 18:00 alle 21:00


UnimediaModernContemporaryArt    Palazzo Squarciafico - Piazza Invrea 5 B - 16121 Genova > tel. +39  0102758785
orario: dal lunedì al sabato dalle 15:30 alle 19:30 - mattino e festivi su appuntamento    
 
VisionQuesT gallery Piazza Invrea 4r 16123 Genova  tel. +39 010265629
orario: da mercoledì a sabato dalle 15:30 alle 19:30 - mattino e festivi su appuntamento