Stampa
03
Set
2008

NOTTI AL CASTELLO ìTABLEAU VIVANT. INTERNO DI UN CASTELLO ALLA SPEZIA"

Pin It

Ultimo appuntamento con le “Notti al Castello”. Venerdì 5 settembre alle 19.00 verrà fatto rivivere in un “tableau vivant” un famoso dipinto di Vincenzo Cabianca conservato e esposto da lungo tempo alla Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti a Firenze.

Nel tempo, si era persa la precisa indicazione del soggetto, tanto che esso veniva esposto col titolo “Luci e ombre  a Palestrina”, mentre invece raffigura l’interno del Castello di San Giorgio alla Spezia con una giovane donna in costume popolare e fu dipinto fra il 1858 e il 1859.
Quest’opera e la sua vicenda si legano al momento importante della nascita della pittura di macchia che ha al centro come luogo di elezione proprio il Golfo spezzino. E’ per questo che Marzia Ratti, Direttore dell’Istituzione per i Servizi Culturali del Comune della Spezia, ha restituito il dipinto al suo luogo di origine e alla sua datazione scrivendo un breve testo di rappresentazione scenica che fa “parlare” i personaggi coinvolti nell’esecuzione del dipinto. Saranno in “scena” il pittore Vincenzo Cabianca, il suo più caro amico di quegli anni, Telemaco Signorini e la ragazza della Spezia raffigurata nella tela mentre scende le rampe interne della fortezza. L’iniziativa vuole portare l’attenzione su questo significativo momento della storia dell’arte italiana e della scoperta dei paesaggi costieri della Liguria che furono al centro di una vera e propria rivoluzione culturale nel modo di dipingere, che si muoveva di pari passo con quella che stava accadendo in Francia a opera dei pittori della realtà e dell’impressione.
L’abito popolare delle colline spezzine, indossato dalla figura femminile, è stato appositamente confezionato da Mirella Giuliano della sezione spezzina di FIDAPA.
I tre personaggi dialogano facendo rivivere il clima del tempo, le passioni per la nuova pittura presa di getto dal vero, che si univa a quelle patriottiche alla vigilia dell’unità d’Italia. 
Attori del tableau vivant sono Iole Rosa e Oreste Valente.
Per l’occasione sarà possibile anche visitare gratuitamente la collezione archeologica.
Per informazioni telefonare al n. 0187 751 142 oppure scrivere all’indirizzo mail sangiorgio@laspeziacultura.it.

Venerdì 5 settembre al Castello di San Giorgio, La Spezia