Stampa
22
Mag
2006

PIERRE AMIEL A SATURA DAL 27 MAGGIO

Pin It
PIERRE AMIEL sabato 27 maggio 2006 ore 17,00 Mostra personale di Pierre Amiel. A cura di Mario NApoli. Con il Patrocinio di Provincia e Comune di Genova, síinaugura, nella sede dellíAssociazione Culturale Satura (piazza Stella 5/1), sabato 27 maggio 2006 alle ore 17:00, la mostra personale di Pierre Amiel. A cura di Mario Napoli. ìLa mia pittura Ë ìastrattaî poichÈ non ha alcun richiamo diretto al figurativo; infatti si pone a met‡ strada tra le due forme espressive. Attraverso i colori ed il movimento io cerco: di suscitare una ìforte emozioneî piacevole o sconcertante, serena o opprimente, proiezione pittorica della mia sensibilit‡ nei confronti della vita; di suscitare líoblio del presente materiale per uníimmersione in un mondo emozionale personale e unico. Dal punto di vista visivo nessun elemento concreto deve turbare líimmaginario ed Ë per questo che la mia firma Ë apposta sul retro della tela. Tutte le tele hanno un titolo perchÈ ci vuoleÖ Per il pittore Ë la chiave emozionale dello stato che egli stava vivendo nellíatto di concepire líopera. Lo spettatore deve astrarsi dai titoli, prevale la sua sensibilit‡ ed Ë líemozione che egli prova che gli permetter‡ di raggiungere il pittore e i suoi riferimentiî. (Pierre Amiel) ìLa prima volta che ho visto i quadri di Pierre Amiel, in una galleria di Londra, sono rimasta molto colpita dal suo stile completamente nuovo e inusuale, dall'estrema facilit‡ nel passare da tele pacate e armoniose, dove si puÚ percepire l'origine orientale dell' artista, a tele dove sembra che il sole abbia infuocato i colori. L' aspetto pi˘ interessante e' che il quadro non ha confini. I paesaggi astratti che compaiono sulla tela improvvisamente pervadono lo spazio e sembrano non finire mai. In particolare un' installazione chiamata 'Patagonia' in una piccola stanza della galleria: tele grandi come le pareti della stanza ritraevano i paesaggi di neve, ghiacci e iceberg, dilatati come se fossero davanti ai nostri occhi e il suono dei gabbiani registrato sul luogo faceva da accompagnamento musicale. Ho sempre sognato di andare in Patagonia e quel giorno ero li'. ì(Susanna Rossini).