Stampa
21
Apr
2006

"AMICI PITTORI" ALL'ALLIANCE FRANCAISE DAL 4 MAGGIO

Pin It
Amici Pittori GiovedÏ 4 maggio 2006 alle 18h nel Salone dellíAlliance FranÁaise Poesie di Vico Faggi Opere di : L.Bastia, M. Chianese, M. Coda, P. Colombara, G. Degli Abbati, W. Di Giusto, M.G. Drago, M. Gambetta, G. Garozzo, L. Grande, B. Liberti, S. Lunini, A. Nobile, S. Palladini, L.M. Rigon, O. Saccorotti, U. Sanguinetti, P. Sartor, R. Sirotti, G.Trielli. GiovedÏ 4 maggio 2006 - Ore 18 Salone dellíAlliance FranÁaise Poesie di Vico Faggi Opere di : L.Bastia, M. Chianese, M. Coda, P. Colombara, G. Degli Abbati, W. Di Giusto, M.G. Drago, M. Gambetta, G. Garozzo, L. Grande, B. Liberti, S. Lunini, A. Nobile, S. Palladini, L.M. Rigon, O. Saccorotti, U. Sanguinetti, P. Sartor, R. Sirotti, G.Trielli. » successo cosÏ. Nel 1966 Alberto Nobile mancÚ ai suoi cari e agli amici, e fu grande dolore, per me , mia moglie, i miei figli. Pensai di ricordarlo dedicandogli parole non frettolose, non banali, risolte in una forma che risultasse non indegna del fine. E dai miei tentativi, dai miei sforzi, nacque una poesia, che pubblicai e ripubblicai. E non sapevo che cosÏ stavo aprendo la strada ad un filone della mia attivit‡ poetica che si sarebbe in futuro sviluppato lungo gli anni e i decenni. Pochi anni dopo, ripresi i miei tentativi e cíentrÚ ancora líombra di Alberto Nobile, perchÈ fu per tre dei suoi allievi - Luigi Grande, Ugo Sanguineti, Bruno Liberti - che mi rimisi allíopera per scrivere versi che si riferissero ad opere díarte che mi sembrassero meritevoli di attenzione. Sapevo bene che non avevo inventato un genere letterario, dato che non mi era ignota líAntologia Palatina , fiore della poesia ellenistica, in cui ci sono versi finemente dedicati a quadri e statue e ai loro autori . E al tempo di Ottaviano Augusto, Orazio ebbe a scrivere, nella sua Arte poetica, ìUt pictura poesisî. Ero dunque consapevole che mi stavo inserendo in una corrente antica ed illustre, ma consapevole anche che stavo facendolo con lo spirito di un moderno e con líattenzione e la passione di un uomo di oggi. Amavo la poesia, amavo líarte, precisamente quella praticata dagli artisti del mio tempo. E con la prima, la poesia, mi rivolgevo alla seconda, líarte, cercando di penetrare il suo linguaggio e líanimo e le motivazioni dei suoi autori. Non dimenticando che gi‡ Dino Campana per un quadro di Soffici, Eugenio Montale per uno di De Pisis, avevano , nel nostro tempo, aperto la strada e indicato il modo di percorrerla. Continuai dunque, per quarantíanni e passa, e dedicai versi alle opere che amavo, agli artisti che stimavo. Che sono ( cito, scusatemi alla rinfusa): Gigi Degli Abbati, Milly Coda, Luigi M. Rigon, Raimondo Sirotti, Mario Chianese, Walter Di Giusto, Piergiorgio Colombara, Maria Giulia Drago, Susanna Lunini, Mimma Gambetta, Pietro Sartor, Giuseppe Trielli, Oscar Saccorotti, Liliana Bastia, Giovanni Garozzo. Ciascuno di loro mi ha offerto, col suo lavoro, con le sue invenzioni, uníemozione che si Ë tradotta nella spinta alla nascita di un verso, di una poesia, di un invito a non fermarmi, a non disperdermi. Questa mostra, dunque, ha un significato primario: Ë un atto di gratitudine verso gli artisti che mi hanno offerto amicizia, nel modo pi˘ vero e prezioso. Vederli riuniti Ë motivo di grande soddisfazione, sia sul piano estetico, sia sul piano umano. A quelli che ci hanno lasciato ñ Nobile, Saccorotti, Mimma Gambetta, Pietro Sartor- il nostro rimpianto,il nostro affettuoso ricordo. Uníultima notazione. In ogni poesia ho insinuato il nucleo di uníanalisi critica, ossia lo spunto per un saggio, o addirittura un saggio in forma telegrafica: Ut critica poesis Vico Faggi La mostra proseguir‡ fino al 9 giugno. Alliance FranÁaise Galliera de GÍnes Via Garibaldi 20 16124 Genova Tel. 00 39 010 2476 336 Fax. 00 39 010 2476 395 www.afge.it