Stampa
17
Feb
2007

RAIMONDO SIROTTI RACCONTA AL PUBBLICO LA SUA MOSTRA ALLA GAM DI NERVI

Pin It

Ultimi giorni di visita alla GAM, fino al 18 febbraio, per "Il viaggio artistico di Raimondo Sirotti in Galleria d'Arte Moderna", la mostra dedicata a Raimondo Sirotti, decano della pittura in Italia, protagonista di tante vicende artistiche a Genova e curata da Maria Flora Giubilei, direttore dei Musei di Nervi,  con progetto di allestimento di Giulio Sommaria e Danilo Cafferata.   L’artista ha scelto otto dipinti di altrettanti famosi artisti esposti nella Galleria d’Arte Moderna per “leggerne” pittoricamente i contenuti e i messaggi d’arte attraverso un vero e proprio percorso che conduce il visitatore dal 1865 al 1920, tra il piano terreno e il primo della Galleria: un racconto che Sirotti intende offrire al pubblico, anche attraverso una serie di incontri al sabato pomeriggio, affrontando con serena sicurezza di maestro tutta l’insidia di un confronto con artisti, che hanno rappresentato momenti fondamentali nella storia dell’arte italiana tra Ottocento e Novecento.

 

Le sue otto opere, belle e coraggiose smontano, destrutturano e ricostruiscono, con risultati di sorprendente forza cromatica,  attraverso colpi di luci e di pennelli grondanti di colori, le tele di Nicolò Barabino, Dante incontra Matelda [ante 1876]; Alfredo d’Andrade, Motivo sulla Bormida, 1865; Ernesto Rayper, I pittori [1865-67 ca]; Serafín Avendaño, Riviera di Genova, 1881; Eugenio Olivari, I bagni al Lido d’Albaro [1915 ca]; Plinio Nomellini, La fiera a Pietrasanta [1913]; Rubaldo Merello, Piante grasse o Il fico d’india [1920-22 ca]; Antonio Discovolo, Il castagno [1920].

 

A tu per tu con l’artista.

Raimondo Sirotti incontra il pubblico e racconta la mostra.

Sabato17 febbraio 2007