Stampa
12
Gen
2008

RAPALLO OSCAR SACCOROTTI GENIO E LEGGEREZZA

Pin It

Una mostra per ricordare Oscar Saccorotti, il pittore romano che più di altri fu protagonista del rinnovamento artistico in Liguria tra le due guerre al Castello di Rapallo fino al 10 febbraio 2008.

Immagini, ritratti, bozzetti, racconti di vita e di paesaggi che tanto cari furono a Saccorotti che amò intensamente la Liguria e alcuni dei grandi protagonisti della cultura del secondo dopoguerra. Amico di Eugenio Montale, frequenta Francesco Messina, lavora per i Coppedé, nel 1920 conosce Arturo Martini e stringe un intimo rapporto d'amicizia con Camillo Sbarbaro e Gina Lagorio, che gli dedica il romanzo Golfo del Paradiso, ispirato al pittore e alla sua casa Il Pettirosso. Casa- studio immersa nel verde sulle alture di Recco (Megli) che Saccorotti e la moglie restaurano e arredano nel 1976 e nella quale si spegne nel 1986 all'età di 88 anni.

Arte e poesia s'incontrano nella mostra Oscar Saccorotti: Nel segno della leggerezza, cinquanta opere molte delle quali, spiegano gli organizzatori "provengono da segrete collezioni private e non sono mai state esposte". Un'occasione unica per ricordare il genio di Saccorotti e ammirare le sue intense nature morte d'ispirazione seicentesca, i paesaggi segreti e i ritratti essenziali e quasi magici. Dalla immobilità dello Stoccafisso alla dinamicità espressiva delle Vele, Saccorotti esplora tutte le sfumature della condizione umana e le rappresenta attraverso similitudini pungenti.

Nel segno della leggerezza è visitabile ad ingresso libero al Castello sul mare di Rapallo, dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18 fino al 10 febbraio 2008.