Stampa
19
Mag
2007

SAVONA : ARCHEOLOGIA INTERIORE-PETRA MALA

Pin It

Petra Mala si realizza a Savona sino al 26 maggio 2007, dopo circa 10 anni di collaborazioni tra Anna Redi e Grazia Ferro, e come ultima tappa di Archeologia Interiore, progetto nato per Bologna 2000, capitale della cultura europea e proseguito grazie alla collaborazione con la Facoltà di Lettere della II Università di Napoli, ispirato dalla particolare situazione del territorio di Terra di Lavoro e diviso tra i segni dei fasti passati e quelli del degrado presente.

I lavori realizzati da Archeologia interiore sono itineranti e nascono da un’analisi degli spazi dove si svolgono. Lo spazio è il protagonista e gli attori dialogano con i luoghi, creando, a partire dalla storia del luogo stesso, lo spettacolo che vede confluire danza contemporanea, recitazione e canto.Per Petra Mala il lavoro parte dalla storia del Priamar, dove il confronto è sempre tra il passato lontanissimo ed il presente, tra l’eroe e la massa, tra il destino di una persona, quello di una terra e quello di un popolo. Tema centrale sono le “invasioni” ripetutesi nei secoli sul Priamar, un incontro tra culture diverse e lontane, l’accoglienza dello straniero e del nemico. Petra Mala, pietra cattiva: dicotomia tra il dentro ed il fuori che è fondamento del teatro antico; si delinea allora un’altra dicotomia, tra l’archeologia esterna che è parte integrante del Priamar (la sua storia) e l’archeologia interiore (il nostro vissuto). La rovina è intesa come luogo immaginario che dà spazio alla fantasia per creare le parti mancanti, un mitico epicentro da cui trarre la forza delle proprie origini.

Il workshop che si terrà sino al 26 maggio alla Fortezza del Priamar è un laboratorio di teatro-danza finalizzato alla realizzazione di un evento teatrale alla Fortezza del Priamar il 26 Maggio 2007.