Stampa
16
Lug
2008

TASSANI IL COLORIFICIO CHE GUARDA ALL'ARTE SPONSOR DEL LAVORO DI ELENA CAVALLO

Pin It

Tassani ha recentemente deciso di sponsorizzare il lavoro di Elena Cavallo, artista genovese di respiro internazionale che impiega ferro, vernici e altri materiali industriali  per dare vita a straordinarie forme artistiche caratterizzate dagli elementi naturali.

Il colorificio genovese è fortemente impegnato nel rispetto della natura e da tempo produce vernici che rispettano l’ambiente.  Proprio la natura è l’ispirazione primaria di Elena Cavallo, che impiega materiali industriali grezzi per trasformarli fino a dare loro una seconda vita, colorata come le foglie mosse dal vento o come un prato fiorito con fili d’erba alti due metri.

Grazie alla recente partnership, Tassani sponsorizzerà Elena Cavallo con forniture esclusive dei suoi prodotti, già utilizzati da tempo dalla scultrice per dare colore alle proprie opere. Ci sono artisti che sanno vedere nei materiali industriali qualcosa che va oltre il loro impiego applicativo e attribuiscono loro un linguaggio nuovo. Così, nell’instancabile ricerca della scultrice genovese, niente è meglio dei prodotti Tassani per esprimere la materialità della natura a cui s’ ispira.

Industria e arte sono due mondi che sembrano correre su binari paralleli, che non s’incrociano mai. L’una è finalizzata al raggiungimento di uno scopo e di un mercato. L’altra vive per se stessa e per sua natura esula da una finalità pratica.  Ma Elena Cavallo rappresenta un felice quanto singolare connubio tra queste realtà apparentemente così distanti ed è per questo che Tassani ha deciso di promuovere e sponsorizzare il suo lavoro.

D’altra parte il colore è un aspetto fondamentale dell’opera dell’artista. Lei che per vent’anni ha insegnato arte diceva ai suoi alunni: “Se il mondo non vi piace, coloratelo!”. Il colore è protagonista nelle sue opere e l’innovazione industriale è al suo servizio: con i sistemi tintometrici di Tassani, che permettono di ottenere una vasta gamma di colori per pareti, legno, ceramica, metallo e prodotti industriali, Elena ricava il colore che desidera e riesce ad ottenere la gradazione più rispondente alla sua idea.

Agli occhi degli inesperti, suscita curiosità il modo in cui l’artista si appoggia al linguaggio del colore integrandolo a quello dei materiali industriali ma lei non se ne preoccupa e, per meglio comprenderne le interazioni, si reca di tanto in tanto allo stabilimento della Tassani per farsi spiegare le caratteristiche specifiche dei diversi prodotti.

I risultati, non solo sono sorprendenti, ma anche assolutamente evidenti: a Genova Elena Cavallo ha recentemente esposto le sue installazioni dipinte con vernici Tassani sia al Festival della Poesia che al Campionato Mondiale di Pesto  mentre a Tolentino, nel marchigiano, le opere della scultrice hanno invaso le vie della città creando improvvise zone di colore che spuntano dagli alberi e agli angoli dei palazzi.

Questi e altri esempi di sinergie originali tra arte e industria segnano una tipologia di espressione creativa in cui le idee e la tecnica traggono beneficio reciprocamente; il Colorificio Tassani è ben lieto di supportare l’opera di Elena Cavallo con i suoi prodotti e di rimando l’artista si serve dell’innovazione per tradurre le sue idee in realtà.