Stampa
03
Set
2007

VARAZZE MOSTRA A PALAZZO BEATO JACOPO DIPINTI E ARCHITETTURA TRA SETTE E OTTOCENTO

Pin It
Varazze - Mostra di livello internazionale a palazzo Beato Jacopo
Grande successo per la Mostra organizzata a Palazzo Beato Jacopo dal prof. Andrea Manto, con la fattiva e presente collaborazione del “Centro Studi Jacopo da Varagine” e “U Campanin Russu”, e con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Varazze,.

Ecco la presentazione dell’evento fatta dall’Assessore alla Cultura del Comune di Varazze, prof.ssa Elsa Roncallo, ed inserita in apertura del ricco catalogo appositamente predisposto, curato da insigni studiosi, per l’importante Mostra che onora città:

“A cura del prof. Andrea Manto di Asti, con la collaborazione delle Associazioni varazzine “Centro Studi Jacopo da Varagine” e “U Campanin Russu”, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Varazze patrocina ed ospita, presso il Palazzo Beato Jacopo, dal 4 agosto al 9 settembre 2007, una mostra d’arte di importanza internazionale.

Per la prima volta verrà presentato al pubblico il bozzetto, olio su tela di dimensioni cm. 190x120, realizzato dal pittore inglese James Durno, vincitore con Cristofero Unterperger e Giandomenico Tiepolo del concorso internazionale indetto nel 1782 dalla Repubblica di Genova, e finanziato dalla famiglia Giustiniani, per affrescare la volta della Sala del Maggior Consiglio del Palazzo Ducale.
Il Bozzetto va ad aggiungersi a quelli già noti di altri tre pittori partecipanti allo stesso concorso oggi conservati al Metropolitan Museum di New York, alla Galleria degli Uffizi di Firenze e alla Galleria Statale di Stoccarda rispettivamente di Giandomenico Tiepolo, Giovanni David e Martin Knoller.

Nelle stesse sale del palazzo, saranno in mostra, anche numerosi disegni realizzati da famosi architetti al servizio di Papa Pio VI, di Napoleone Bonaparte e Papa Pio VII a Roma nella seconda metà del’700 e nei primi dell’800.
Sono anche gli anni, tra il 1809 e il 1814, nei quali Savona, occupata dai francesi, entra nella storia per la segregazione che le truppe napoleoniche qui impongono a Papa Chiaramonti. Alla città Pio VII si mostrerà grato per aver mitigato l’umiliazione del suo forzato soggiorno tributandogli gli onori del suo ruolo e Varazze, come tutto il territorio savonese, conserva l’orgoglio di quella presenza: questa mostra è un’altra occasione per ricordarla.

I disegni originali, inediti ed in parte firmati riguardano principalmente la costruzione della Sacrestia Vaticana, la ristrutturazione del Palazzo del Quirinale, in occasione dell’arrivo a Roma della famiglia di Napoleone e della costruzione del Braccio Nuovo dei Musei Vaticani, destinato a raccogliere le statue recuperate dal Canova e già trasportate in Francia da Napoleone durante l’occupazione francese.

Il catalogo si apre con una interessante introduzione del Prof. Don Giovanni Farris dell’Università di Genova, Postulatore per la causa di beatificazione di S.S. il Papa Pio VII; le opere sono illustrate dal varazzino Dott. Benedetto Tino Delfino, dal Prof. Giovanni Grasso di Genova, dal Prof. Natale Maffioli di Totino, dallo studioso marco Parodi di Genova e dal Prof. Andrea Manto.

Elsa Roncallo – Assessore alla Cultura del Comune di Varazze.”