Stampa
24
Gen
2008

AFFIDARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATAALLE IMPRESE DI PULIZIA LA PROPOSTA DELLíANACI

Pin It

Arriva una nuova e interessante proposta, per gestire la raccolta dei rifiuti e risparmiare notevolmente. L’idea, che sarà presentata lunedì 28 gennaio a Palazzo Ducale, è portata avanti dall’Anaci (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari, grazie al presidente del Comitato genovese, il Rag. Pierluigi D’Angelo (nella foto). «Il concetto è molto chiaro – afferma D’Angelo – Affidare la raccolta differenziata, plastica, carta e vetro, alle varie imprese di pulizia, in modo da lasciare al Comune di Genova soltanto l’incombenza dei rifiuti organici.

 Questo consentirebbe ai singoli cittadini di risparmiare notevolmente, a livello di TIA (la tariffa per l’igiene ambientale, ovvero la sempre più onerosa tassa sulla spazzatura), mentre i singoli condòmini dovrebbero poi versare una quota alle imprese di pulizia per la raccolta dei rifiuti differenziati, attraverso degli accordi privati». E se, da una parte, questa soluzione ipotizzata rappresenterebbe un risparmio per tutti i cittadini (perché sommando TIA e contributo alle imprese di pulizia non si arriverebbe all’attuale costo della tassa sulla spazzatura), dall’altra incentiverebbe notevolmente la raccolta differenziata, un’abitudine che i genovesi devono ancora prendere in maniera definitiva. «Queste – prosegue D’Angelo – sono le nostre proposte al Comune di Genova, a livello di Anaci: una capillare campagna pubblicitaria finalizzata allo scopo, inculcando nei cittadini la cultura necessaria a far comprendere i vantaggi sociali ed economici della separazione dei rifiuti; la raccolta differenziata in ogni condominio, con i sacchetti forniti dall’Amiu e depositati in spazi appositi per il ritiro da parte dell’impresa di pulizia. Il costo di tale operazione di deposito, ripeto, sarebbe da pagare alle imprese di pulizia, o ai portinai, ove ancora esistono. Si tratterebbe, peraltro, di un costo modesto, perché effettuato nell'ambito di un servizio che le imprese di pulizia già svolgono, e potrebbe essere compensato con una decurtazione ai condòmini "virtuosi" della TIA. Il Comune, da parte sua, potrà effettuare controlli sul reale conferimento dei rifiuti mediante tessere magnetiche consegnate a ogni residente, mentre gli amministratori del condominio coordineranno con le imprese di pulizia la corretta esecuzione degli interventi e la loro contabilizzazione, con modalità da studiare e concordare col Comune».

 La proposta dell’Anaci genovese sarà presentata al pubblico lunedì 28 gennaio, nell’ambito del convegno dell’Anaci organizzato a Palazzo Ducale, presso il Salone del Maggior Consiglio. «Naturalmente – conclude D’Angelo – restiamo a disposizione delle parti interessate per migliorare o integrare questa bozza di proposta».