Stampa
22
Dic
2007

AL VIA "TORNIAMO IN TRENO" CAMPAGNA NAZIONALE PER DENUNCIARE DISSERVIZZI E CARO BIGLIETTI.

Pin It

Ha preso il via dalla stazione ferroviaria di Roma Termini “Torniamo in treno”, campagna diinformazione e sensibilizzazione a carattere nazionale promossa da Cittadinanzattiva  per denunciare ritardi e scarsa igiene dei treni italiani, ma anche il caro biglietti degli ultimi anni.*Caro treno*. In Italia, considerando il trasporto ferroviario su base  regionale, per percorrere 35 km si spendono in media 47 € di abbonamento mensile, con forti disparità tra regione a regione: si passa da un minimo di 36,15 € in *Molise *ad un massimo di 53,5 € in *Piemonte*.

Differenti tra loro risultano essere anche gli incrementi tariffari registrati negli ultimi due anni: si va da un minimo del 2,5% in *Umbria *ad un massimo del 16% in *Sicilia*.*Incrementi a due cifre anche per il biglietto di corsa semplice*.

Considerando sempre il trasporto ferroviario su base regionale, il biglietto per un percorso di 35 km può variare da un minimo di 2 € (*Molise*) ad un massimo di 3,25 € (*Bolzano*), con incrementi che negli
ultimi due anni non sono stati inferiori al 10% in *Liguria*, *Piemonte*, *Sicilia*, *Umbria *e *Veneto*. Sul sito il dossier completo.

*Photo gallery*. La campagna “Torniamo in treno” viene diffusa tramite cellulare e direct mailing, e chiunque fosse interessato può lasciare un  commento sulla bacheca online e visitare la photo gallery su  www.cittadinanzattiva.it.

Inoltre, dal 3 gennaio, chiamando dalle 9.00 alle 13.30 allo 06.36718555 i cittadini interessati potranno ricevere gratuitamente informazioni e  consulenza su come tutelare al meglio i propri diritti di viaggiatori e pendolari. “Obiettivo dell’iniziativa” spiega Giustino Trincia, vice segretario  generale di Cittadinanzattiva “è contribuire al miglioramento del  servizio, per tornare a viaggiare con piacere sui nostri treni,  coinvolgendo i cittadini perché non si rassegnino allo stato delle cose”. A tal fine, Cittadinanzattiva punta alla raccolta di segnalazioni, foto  e video che raccontino cosa succede in treno: *i cittadini diventano  veri e propri “narratori” di testimonianze e “investigatori” di  immagini* da inviare via mms al *3460660285*, via mail a  torniamointreno@cittadinanzattiva.it o compilando l’apposito
form per le segnalazioni disponibile sul sito dell’Associazione.  Contemporaneamente, prenderanno il via i primi monitoraggi su pulizia e puntualità di tratte pendolari e lunga percorrenza.