Stampa
26
Mag
2007

ASSOCIAZIONE ìAMICI DI PAGANINIî CONCERTI DI PRIMAVERA A CASA PAGANINI

Pin It
Domenica 27 maggio 2007 ore 20,30

Il concerto di domenica 27 ore 20 e 30, ultimo prima dell’estate, vede protagonista il giovane violinista cinese Feng Ning, che appena dopo aver trionfato nella scorsa edizione del Premio Paganini, dichiarò di avere “un solo progetto legato alla musica: divertirmi e donare gioia a tutti”.


Ed è certamente una gioia per il pubblico genovese rivivere (o vivere per la prima volta) le emozioni che Feng Ning ci dona, con gioia appunto. Per quel che riguarda la musica di Paganini ce la restituisce ben deciso a “non suonare la tecnica di Paganini”, ma la sua musica ispirata al ”l’opera romantica italiana del suo tempo”.

 
Il pianista Ermindo Polidori Luciani, abruzzese, ma genovese d’adozione e da lungo tempo collaboratore del Concorso Paganini, lo accompagna in un programma di grande richiamo.
 

Si inizia con la Sonata op. 18 per violino e pianoforte, poco frequente nel repertorio, scritta dal compositore e direttore d’orchestra Richard Strauss  in anni giovanili. Segue di Francis Poulenc, compositore francese della prima metà del ‘900, ritenuto possessore al massimo grado del particolare dono della melodia, la Sonata per violino e pianoforte, degli anni ’40. Le due sonate costituiscono curiosamente l’unica composizione che entrambi dedicano a questa formazione.

L’immancabile Paganini domina la seconda parte del concerto: Feng non “approfitta” dell’occasione per sfoggiare la sua tecnica e sceglie il celeberrimo Cantabile scritto per violino e pianoforte, brano caratterizzato da una melodia pacata, spontanea e leggera, lontano appunto dal virtuosismo tipicamente paganiniano. Conclude un’altra conosciutissima pagina del Nostro: I Palpiti, originariamente per violino e orchestra, ispirata all’aria “di tanti palpiti” dal Tancredi di Rossini, a conferma del legame tra la musica di Paganini e l’opera del suo tempo, in particolare del suo amico Gioacchino Rossini.
 

Feng Ning Nasce a Chengdu, in Cina, nel 1981. Inizia lo studio del violino a quattro anni, e si esibisce la prima volta a cinque. Nel 1997 vince il  Gran premio ed il Primo premio per la sezione violini, al 5° Concorso artistico internazionale, tenuto a Takasaki, in Giappone, ed è invitato dalla giuria del concorso a suonare a Tokyo e ad effettuare una registrazione con la JVC Victor Records.

Nel 2003 diventa il primo studente, che, nella storia della Royal Academy of Music, abbia mai meritato la votazione piena (100%) al concerto/esame di fine corso, presso la Nello stesso anno vince anche il terzo premio al Concorso violinistico internazionale di Hannover.

Nel 2004 vince il Concorso internazionale Michael Hill, in Nuova Zelanda.

Feng Ning ha tenuto concerti in Cina, Canada, UK, Belgio, Italia, Giappone, USA e Germania, ed ha suonato con la Chinese National Symphony Orchestra, la Philharmonia Hungarica, la Winnipeg Symphony Orchestra, la London Mozart Players, e la  Belgium National Symphony Orchestra etc. Feng attualmente studia presso la Hochschule fur Music "Hanns Eisler" di Berlino  con il Prof. Antje Weithaas.



Ermindo Polidori Luciani Abruzzese di nascita, genovese di adozione, concertista e didatta, inizia giovanissimo, all'eta' di quattro anni, a suonare il pianoforte e si diploma con il massimo dei voti e la lode con L. Passaglia. (allieva prediletta di Arturo Benedetti Michelangeli). Frequenta per vari anni i corsi d'interpretazione pianistica di Guido Agosti a Roma ed all'Accademia Chigiana di Siena (diploma d'onore), di Riccardo Brengola per la musica da camera e di Ludwig Stefanski ed Halina Czerny Stefanska in Svizzera. Si afferma in vari concorsi pianistici nazionali e debutta alla piccola Scala di Milano nel 1974 in duo pianistico (Di Ilio); la sua attività concertistica lo porta in vari paesi europei anche come partner di famosi musicisti (Kavakos, Watanabe, Fain, Prishepenko, Rudin, Faust, Quarta, Devia, Serra, D'Arcangelo, Quartetto di Cremona, Solisti di Mosca). E' regolarmente invitato in giurie di concorsi pianistici e lirici. Come solista privilegia spesso un repertorio particolare, strutturato secondo scelte preziose ed inusuali, comprendenti anche prime riprese in epoca moderna. E' titolare, dal 1978, della cattedra di Pianoforte Principale presso il Conservatorio "N. Paganini"


Lo splendido Auditorium di Casa Paganini, piazza S. Maria in Passione, 34 - Genova, ospita questa particolare imperdibile occasione. Ricordiamo che Casa Paganini può essere visitata nelle usuali aperture al pubblico, a cura dell'Associazione, nei giorni di mercoledì e sabato dalle ore 10 alle ore 18.


L’apporto dei nostri soci e simpatizzanti – che possono aderire anche nei giorni di visita - è fondamentale per l’organizzazione di questi concerti così come il sostegno della Fondazione “Compagnia di San Paolo”.

 

Biglietti d’ingresso: € 10, per i soci € 7, e € 2 per gli studenti