Stampa
04
Dic
2006

ASSOCIAZIONE I POLIFONICI DI GENOVA: LA VOCALITA' NELLE OPERE DI LUCIANO BERIO

Pin It
Martedì 5 dicembre ore 21.00 alla Sala dei Concerti – Conservatorio Niccolò Paganini, il prof. Roberto Doati condurrà il pubblico alla scoperta dell’opera del grande compositore. Secondo appuntamento con la grande musica per la stagione 2006 dell’Associazione I Polifonici di Genova, fondata e diretta dal maestro Fabio Macelloni.
Questa volta di tratta dell’incontro con l’opera di un grande compositore: Luciano Berio. A presentarcelo, martedì 5 dicembre alle 21.00 presso la Sala dei Concerti del Conservatorio Niccolò Paganini, sarà il M° Roberto Doati, compositore e docente di Musica Elettronica presso il Conservatorio Paganini di Genova, già docente presso il conservatorio di Trieste di Composizione Elettroacustica.
Per la prima volta nella storia delle Stagioni di Musica Vocale dei POLIFONICI viene inserita una conferenza a tema. La serata è dedicata alla figura del compositore recentemente scomparso, il cui percorso compositivo è stato spesso vicino alla vocalità. Il tema centrale della conferenza è appunto “La vocalità nelle opere di Luciano Berio”, con particolare riguardo ai lavori che prevedono l’utilizzo del mezzo elettronico, a cui il compositore ligure non è rimasto insensibile, al punto da essere messo a capo di progetti di ricerca presso il laboratorio di musica elettronica dell’IRCAM di Parigi.
Sebbene tutti oggi conoscano i termini “sintetizzatore” o “campionatore” associandoli alla produzione della “musica di consumo”, pochi sono al corrente di come i compositori “colti” già  60 anni fa, con mezzi molto lontani da quelli attuali, iniziassero una sperimentazione che contribuì anche allo sviluppo della composizione rivolta a strumenti tradizionali, non elettronici.
Nel corso della conferenza saranno proposti assaggi dalle opere "Thema - Omaggio a Joyce", "Visage", "Sequenza III", "Circles", "A-Ronne".
La rassegna è promossa da Regione Liguria (Assessorato alla Cultura, Servizio Promozione Culturale), in collaborazione con Comune di Genova – settore Musei. Si ringrazia inoltre Medical Systems s.p.a.