Stampa
06
Ago
2007

BURLANDO - CAI ìLIGUREî: PROPOSTA PER IL RECUPERO DEI SENTIERI DI MONTAGNA DELLA REGIONE

Pin It

Il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando ha incontrato in questi giorni i rappresentanti della sezione “ligure” del Cai (Club alpino italiano), visitandone la sede in Galleria Mazzini. A ricevere Burlando, tra gli altri, il presidente della sezione Giampiero Zunino, i direttori delle scuole del Cai e altri componenti del consiglio direttivo. Un incontro che era stato programmato nelle scorse settimane, quando Burlando aveva partecipato alla inaugurazione (presenti un migliaio di appassionati e di cittadini) del nuovo rifugio del monte Antola, realizzato grazie al contributo della Regione Liguria, insieme alla Provincia di Genova e alla Fondazione Carige.

Al centro del colloquio l’attività delle scuole che il Cai organizza per l’alpinismo, lo sci alpinistico, lo sci di fondo escursionistico, il torrentismo, l’escursionismo, e per l’alpinismo giovanile. Burlando ha poi dichiarato la propria disponibilità ad approfondire alcune proposte venute dal mondo dell’alpinismo genovese. In particolare si tratta dell’ipotesi di recuperare i sentieri che, sopra Punta Chiappa, nel territorio del Parco di Portofino, conducono alla batterie, nell’ambito di una migliore valorizzazione della zona, ovviamente in accordo con la gestione del Parco.
Ma più in generale si è parlato della possibilità che la Regione Liguria studi una iniziativa normativa per contribuire alla mappatura, al recupero e alla valorizzazione del sistema dei sentieri di montagna: una prospettiva rispetto alla quale il Cai si è detto pronto a assumersi una responsabilità operativa anche grazie alla possibilità di attivare forme di volontariato.

Si è parlato inoltre del sistema dei rifugi che il Cai ha in gestione (in tutto 10: il rifugio dell’Antola è stato il decimo ad aggiungersi), con particolare riguardo al rifugio “Genova”, sotto la vetta dell’Argentera (tra le vette più alte delle Alpi marittime con i suoi 3.297 metri), in provincia di Cuneo. Un rifugio che ha bisogno di una grande manutenzione e che celebrerà il 15 agosto prossimo i 100 anni dalla sua fondazione, anche con un concerto all’aperto. Le sezioni genovesi del Cai sono quattro: oltre alla “Ligure” operano la sezione di Sampierdarena, quella di Bolzaneto e il Caiule (Club alpino italiano unione ligure escursionistica), con un totale di circa 5.500 iscritti. Con le altre sezioni Cai operanti in Liguria si raggiungono i 12 mila soci.