Stampa
27
Lug
2007

CAMPO DI VOLONTARIATO DI LEGAMBIENTE IN VAL PONCI

Pin It

Si è svolto nei giorni scorsi in Val Ponci, una delle più suggestive località del Finalese, dove è possibile ammirare alcune tra le più monumentali testimonianze dell'intero tracciato della Via Iulia Augusta, il consueto Campo di Volontariato di Legambiente.

 La Val Ponci custodisce cinque Ponti Romani in buono stato di conservazione, che risalgono ad un periodo che oscilla tra il I e il II secolo d.C. Costituiti da una sola arcata, hanno una larghezza che varia dai 5,50 ai 6 metri e sono stati realizzati con la tecnica definita ligure-gallica. Tre di essi sono ancora transitabili.

Secondo le indicazioni della dottoressa Bulgarelli, della Sovrintendenza per i Beni Archeologici della Liguria, quest'anno l'intervento riguarda un'antica fornace, di origine medievale, posta prima del Ponte delle Fate.

“Quest’importante manufatto, sconosciuto ai più, costituisce l'ennesima testimonianza del valore archeologico della Val Ponci che, grazie anche ad un finanziamento regionale di 250 mila euro, ottenuto grazie all’interessamento del Consigliere regionale Carlo Vasconi, potrà a pieno diritto divenire una delle perle del Finalese e dell'intera Liguria”, dice l’Assessore Massimo Gualberti.

Al finanziamento regionale seguirà, infatti, un protocollo per la valorizzazione dell'area, che sarà siglato dalla Soprintendenza ai beni archeologici, dal Comune di Finale Ligure, dalla Regione Liguria e dalla stessa Legambiente.

Un campo di volontariato è un’occasione per effettuare una vacanza intelligente nell'ottica di un turismo sostenibile - commenta Santo Grammatico, Coordinatore Generale di Legambiente Liguria - permettendo a volontari provenienti da tutta Italia di entrare in contatto con le popolazioni locali, operare per progetti concreti di salvaguardia del territorio e scoprire, attraverso un’esperienza comune, nuove località".