Stampa
28
Dic
2007

COMUNITA' DI SANT'EGIDIO. UN PRANZO DI NATALE PER 50 NAZIONI.

Pin It

Sono quasi cinquanta le nazioni di provenienza degli ospiti della Comunità di Sant’Egidio nel pranzo di Natale di Genova: dall’Europa dell’Est al Medio Oriente, fino all’America Latina e all’Africa Sub Sahariana, le tavole imbandite ieri erano lo specchio di una città sempre più multietnica. E affermavano una realtà chiara: vivere insieme tra gente diversa è possibile.

 
Molto numerosi erano infatti anche gli italiani: anziani, disabili, senzatetto. Per un totale impressionante: 2700 coperti, di cui circa duemila nel solo giorno di Natale, distribuiti tra i tre luoghi principali - la sala Munizioniere di Palazzo Ducale, la sala Chiamata del porto, la basilica dell’Annunziata - e sei istituti per anziani.

 
Il cardinale Angelo Bagnasco e il vescovo ausiliare Luigi Palletti hanno salutato personalmente i partecipanti al pranzo e i volontari: «nelle situazioni difficili - ha detto il cardinale agli ospiti - è possibile sentire accanto la presenza del Signore, e voi ve ne accorgete in queste persone che vi sono vicine, oggi e tutti i giorni dell’anno».

 Ad aiutare e rendere possibile l’iniziativa - oltre all’impegno di tutta la Comunità di Sant’Egidio - è stato il lavoro di circa 350 volontari che si sono resi disponibili il 25 dicembre e i giorni immediatamente precedenti per cucinare, servire, allestire le sale.

Non è stata solo un’occasione di incontro e solidarietà, quindi, ma la possibilità di un Natale veramente “diverso”, anche per chi non ha gravi problemi, ma sente l’esigenza di superare l’individualismo e la monotonia delle abitudini un po’ ingrigite, per passare le feste in una famiglia singolare e numerosa.