Stampa
09
Ott
2008

CONFERENZA SUL VOLONTARIATO: LA CONTRARIET¿ DELLE ASSOCIAZIONI

Pin It
Una lettera al Ministro Sacconi.
Le Associazioni di volontariato minacciano di disertare la “Conferenza Europea e Internazionale sul Volontariato”, prevista per 10-12 novembre 2008 in conseguenza del mancato coinvolgimento delle associazioni e l'assenza totale di un interlocutore politico. Questo è quanto sottolineato in una lettera inviata al Ministro Sacconi (anche in qualità di presidente dell’Osservatorio nazionale sul volontariato), al sottosegretario Eugenia Roccella e al responsabile della Direzione generale per il volontariato dalla Consulta nazionale del volontariato presso il Forum permanente del Terzo Settore, la Convol (Conferenza Permanente dei Presidenti Associazioni e Federazioni nazionali di volontariato) e CSVnet (Coordinamento nazionale dei centri di servizio per il volontariato, a cui aderisce anche il CE.S.P.IM). Tutti gli attori esprimono il proprio dissenso sulle modalità adottate dal Governo per realizzazione della Conferenza.
Nella lettera si evidenzia come “da una parte il mondo del volontariato più che essere il protagonista della preparazione e realizzazione della Conferenza si trova ad essere un soggetto ‘invitato’ a partecipare ad un evento, pur promosso dall’Osservatorio nazionale del volontariato, che, così come risulta nell’attuale proposta, rischia di essere poco rappresentativo del mondo del volontariato italiano ed europeo e di non focalizzarne i punti di forza e di debolezza. Il nuovo titolo ‘Conferenza Europea e Internazionale sul Volontariato’- si precisa - e l’articolazione delle sessioni proposte avvalorano indubbiamente questa chiave di lettura”.
“Dall’altra – si continua - le tempistiche estremamente ristrette, imposte dopo una serie di continui e non comprensibili rinvii, non permettono un vero e proprio coinvolgimento delle organizzazioni di volontariato in un percorso di confronto e di elaborazione di contenuti utile ad assicurare che la Conferenza inneschi un processo di conoscenza, confronto ed elaborazione tra i volontariati europei, in grado di sintetizzare posizioni e problematiche atte a rafforzare il ruolo e l’identità del volontariato all’interno della Ue”.
Le associazioni firmatarie della lettera denunciano allora “l’assenza totale, in questi mesi, di un interlocutore politico con cui confrontarsi e definire non solo l’impostazione della Conferenza, ma anche determinare le priorità del mondo del volontariato. In considerazione di quanto esposto e data questa situazione, le scriventi, ritengono non sussistano le condizioni per la propria partecipazione alla Conferenza se non interverrà un sostanziale mutamento nella sua impostazione e gestione”. Da qui anche la richiesta di un “immediato incontro con il Ministro, sia per verificare la possibilità di reimpostare la Conferenza, rendendola reale espressione dei volontariati italiani ed europei, sia per avviare un percorso di dialogo e confronto sulle priorità e le urgenze del mondo del volontariato italiano”.
La lettera porta la firma della Consulta nazionale del volontariato presso il Forum permanente del Terzo Settore (Ada - Ancescao - Fish - Focsiv - Conferenza nazionale Misericordie d’Italia - Evan - Anpas - Seniores Italia – Avis - Anteas - Arci - Auser - Comitato nazionale Telefono Azzurro), della ConVol (Aibi - Avuls - Acisjf - AGe - Anteas - Arciragazzi - Conferenza Nazionale Misericordie d’Italia - Federazione nazionale Legambiente Volontariato - Gvv Aic Italia - Movi - Seac Volontariato e Giustizia - Società San Vincenzo de Paoli - Telefono Amico Italia - Ada) e Csvnet.
Il CE.S.P.IM, Centro servizi al volontariato, è un'associazione di associazioni, promossa e gestita dalle stesse associazioni di volontariato. Aperta a tutti gli enti di volontariato iscritte e non all'Albo Regionale, il CE.S.P.IM ha lo scopo di sostenere l'attività e di promuovere sul territorio la cultura della solidarietà. Opera grazie ai fondi messi a disposizione dalle Fondazioni Casse di Risparmio ed Enti Pubblici. Aderisce al Csvnet, il coordinamento nazionale dei centri di servizi al volontariato. Al Centro servizi al Volontariato di Imperia aderiscono oltre 100 associazioni di volontariato operanti in provincia.