Stampa
05
Ago
2007

CONTRATTO TURISMO: FIRMATA L'IPOTESI DI ACCORDO PER OLTRE 900 MILA LAVORATORI

Pin It

Finalmente è stato firmato il Contratto Nazionale per i lavoratori del turismo.  A quasi 19 mesi dalla scadenza 31 dicembre 2005, è stato rinnovato il Contratto Collettivo Nazionale per gli oltre 900 mila dipendenti del turismo.  Si tratta del contratto che regola il rapporto di lavoro di quasi un milione di lavoratori dipendenti di: bar, ristoranti, mense scolastiche ed aziendali, alberghi, campeggi, stabilimenti balneari, sale bingo, catene ristorazione autostradale e fast.

Di questi lavoratori quasi un terzo sono stagionali e nella nostra provincia sono moltissimi i lavoratori di questo settore. Per la prima volta gli aumenti salariali sono molto elevati e sono state fissate importanti regole per i cambi d'appalto e di concessione a tutela della stabilità dell'occupazione.

In particolare si evidenzia:

* l’aumento salariale di € 135 al 4° livello: 40 erogati dal corrente mese di luglio (anche a tutti gli stagionali e ai dipendenti delle mense), 45 da gennaio 2008 (quindi oltre il 60% dell’erogazione nei prossimi 7 mesi), 25 da luglio 2008 e 25 da luglio 2009;

* la una tantum di 350 euro (160 da luglio erogata pro quota anche agli stagionali) e la seconda tranche di € 190 da febbraio 2008, a cui si aggiunge l’indennità di vacanza contrattuale (160 euro) già erogata;
 
* l’incremento del Welfare contrattuale che porta a 10 euro mensili la quota destinata a EST e FAST, con l’obbligo di versamento anche per gli apprendisti dal luglio 2009) equiparando i lavoratori part-time a quelli full time, oltre alle specifiche previsioni per i Quadri; attivazione dei regolamenti per il sostegno al reddito dei lavoratori coinvolti in processi di ristrutturazione;
 
* estensione agli apprendisti delle medesime normative del personale qualificato: malattia, infortunio, ecc.;

* contrattazione dei processi di terziarizzazione con l’obiettivo condiviso del mantenimento dell’unicità contrattuale e dei diritti preesistenti;

* flessibilità governata dell’orario, dell’organizzazione dei turni e dei riposi rafforzando il secondo livello di contrattazione sia aziendale che territoriali;

* introduzione del part time week end per studenti;

* riformulazione dei compiti attribuiti alla rete degli Enti Bilaterali;

* integrazione nel testo del CCNL e migliore definizione della sfera dei diritti dei lavoratori stranieri e dei giovani;

* estensione e consolidamento dei diritti sindacali e dei congedi parentali, diritto allo studio.

Si è inoltre sottoscritto un avviso comune in merito a: Governance del settore, Applicazione integrale del CCNL, Ammortizzatori sociali, Buoni vacanza, appalti e concessioni.   Nel corso del mese di settembre si terranno le assemblee per illustrare e valutare l’ipotesi d’accordo sul Contratto Nazionale.