Stampa
30
Mar
2007

FISCO: VENTURI, PER MANCATA EMISSIONE SCONTRINI NO ALLA GOGNA,

Pin It

“La mancata emissione di qualche scontrino fiscale non può portare alla caccia al commerciante ed alla chiusura delle attività commerciali, come sta avvenendo in questi giorni.
L’assurdità di questa norma, ha dichiarato il presidente della Confesercenti Marco Venturi, produce danni economici, disoccupazione per i dipendenti, disagi ai consumatori sempre meno serviti all’interno delle città”.  “Non ci risultano analoghi comportamenti per tante grandi società di capitali che dichiarano sistematicamente redditi nulli o in perdita, per le quali vengono presi provvedimenti di analoga gravità.

Se c’è un errore o viene commesso un abuso si può procedere con delle sanzioni da commisurare all’entità e alla ripetizione della mancata emissione dello scontrino fiscale, ma non certamente alla chiusura dell’attività, violando di fatto il diritto di fare impresa e di lavoro per i dipendenti”.
“Inaccettabile è inoltre la gogna fiscale del cartello sulla serranda chiusa che addita i commercianti come i peggiori criminali del Paese.
Se questo attacco continuerà, ha concluso Venturi, la Confesercenti contrasterà questa azione con una mobilitazione nazionale ad oltranza”.