Stampa
22
Ott
2006

GENOVA ECOSISTEMA URBANO 2007.

Pin It

ECOSISTEMA URBANO 2007 LEGAMBIENTE PRESENTA IL NUOVO RAPPORTO

Domani Lunedi 23 ottobre 2006  Legambiente Circolo Nuova Ecologia e Circolo Amici a ponente di Genova terranno un seminario di approfondimento su Ecosistema Urbano 2007 nella sala dello star hotel di Brignole alle ore 17.30
Ecosistema Urbano è un rapporto di Legambiente realizzato con la collaborazione scientifica dell'Istituto di ricerche Ambiente Italia ed  editoriale de Il Sole 24 Ore.
Ecosistema Urbano, giunto ormai al suo tredicesimo anno di vita, è stato il  primo tentativo a livello mondiale di organizzare i dati ambientali delle  città con lo scopo di fornire un criterio di valutazione della  sostenibilità ed un benchmarking delle prestazioni ambientali. L'obbiettivo  dello studio è quello di misurare la "febbre" ambientale delle città  capoluogo e l'efficacia delle prescrizioni messe in atto. Lungi dal  rappresentare un Oscar assegnato alla qualità ambientale complessiva di  un'area, Ecosistema Urbano vuole dunque essere una sorta di termometro  della sostenibilità. Il rapporto raccoglie ogni anno, sia con questionari e interviste dirette  ai 103 comuni capoluogo di provincia sia sulla base di altre fonti  statistiche, informazioni su 125 parametri ambientali per un corpus totale  di oltre 125mila dati. Questa raccolta viene sintetizzata in 26 diversi  indicatori di qualità ambientale riferibili a tre macro-classi: indicatori  di pressione che misurano il carico generato sull'ambiente dalle attività  umane (consumi di acqua potabile, di carburante, di elettricità, produzione  di rifiuti solidi urbani, tasso di motorizzazione), indicatori di stato che  misurano la qualità dell'ambiente fisico (smog, inquinamento idrico),  indicatori di risposta che rendono una misura della qualità delle politiche  messe in campo dall'amministrazione pubblica o dalla città più in generale  (abusivismo edilizio, perdite della rete idrica, depurazione, raccolta  differenziata, trasporto pubblico, isole pedonali e zone a traffico  limitato, piste ciclabili, aree verdi, gestione ambientale nelle imprese e  nella pubblica amministrazione, sviluppo di politiche energetiche tese alla  crescita delle rinnovabili, monitoraggi e rilevamenti della qualità  ambientale).
Come in altri casi di indagini che costruiscono un ranking, Ecosistema  Urbano utilizza poi un indice basato su una scala delle prestazioni per i  vari indicatori sommando successivamente i risultati di questi. Il sistema  di valutazione infatti attribuisce un voto in percentuale rispetto ad  alcuni obiettivi di sostenibilità. Obiettivi concreti e praticabili, a  portata di mano: si richiede ad esempio un 35% minimo di raccolta  differenziata, una città con i valori di inquinamento atmosferico più bassi  della soglia di rischio per la salute umana, un territorio senza abusivismo  edilizio (quello del cemento illegale è, nell'Unione Europea, peculiarità  esclusiva dell'Italia e della Grecia), un trasporto pubblico esteso e utilizzato.
Dall'analisi integrata di queste diverse performance si ricava la classifica generale