Stampa
30
Set
2007

IL CASO ROMANIA LUNEDI A GENOVA CONVEGNO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

Pin It

Marian MocanuUna giornata di confronto fra i comuni e la comunità della Liguria, con relazioni, tavole rotonde e dibattiti per discutere del “caso Romania”, dell’ingresso del paese dell’Est nell’Unione Europea e dei riflessi che la caduta delle frontiere ha prodotto sulla stessa popolazione rumena e i cittadini liguri, sul mondo del lavoro , sulla sicurezza sociale. Ma anche per affrontare,  la distinzione, spesso ignorata, fra rom e rumeni, i temi della sicurezza e dell’integrazione e dell’accoglienza, il diritto di voto alle elezioni europee.

L’iniziativa è in programma lunedì 1 ottobre, con inizio alle 9,30, a Genova, nella sede della Camera di Commercio- Sala del Bergamasco- in via Garibaldi,4. L’incontro, che andrà avanti per tutta la giornata, è stato promosso dalla Regione Liguria-Assessorato Politiche dell’Immigrazione, con l’assessore Enrico Vesco che aprirà i lavori alle 9,30. Lavori che proseguiranno con gli interventi del presidente della Camera di Commercio Paolo Odone e del console onorario della Romania a Genova Massimo Pollio e della delegazione rumena presente alla conferenza di Genova con il segretario di Stato Mihai Gheorghiu, il direttore del Ministero degli Affari Esteri Iulian Costache e la funzionaria Fabiola Stoi e il responsabile culturale dell’Ambasciata di Romania in Italia Gorge Bologan.

Fra gli altri partecipanti, Arci, Caritas, Comunità di Sant’Egidio, Confartigianato, Cna, Coldiretti, i sindacati Cgil e Cisl,  Lega Cooperative, gli assessori comunali competenti genovesi Francesco Scidone , Massimiliano Morettini e Paolo Leardo e gli assessori di Ventimiglia e di Imperia Salvatore Spinella e Giuseppe Fossati. Presenti anche i comuni di Savona e della Spezia