Stampa
25
Ott
2006

IL PRESIDENTE CONFITARMA COCCIA. SENZA PORTI NON ESISTE ECONOMIA

Pin It
COCCIA PRESIDENTE CONFITARMALa portualità italiana rischia la definitiva marginalizzazione in Europa e nel Mediterraneo». E’ quanto afferma Nicola Coccia, presidente della Confederazione italiana armatori commentando il congelamento delle norme contenute nel decreto legge del 3 ottobre, che avrebbero dovuto sbloccare le operazioni di dragaggio nei porti.

«La flotta italiana – afferma Coccia – che nei porti nazionali ha la sua base operativa e logistica non può non esprimere il disappunto e la fortissima preoccupazione per la mancata definizione di un quadro normativo almeno in linea con quello degli altri paesi comunitari».

«Per secoli – ha concluso il presidente di Confitarma – i porti italiani sono stati dragati per consentire la crescita e lo sviluppo delle attività marittime e dell’economia del paese. Senza porti adeguati allo sviluppo dei traffici, non si può parlare di economia italiana e tantomeno del suo rilancio».