Stampa
19
Nov
2008

IMPERIA. PRESENTATO OGGI IL BILANCIO SOCIALE DEL CE.S.P.IM

Pin It

Il CE.S.P.IM ha presentato oggi a Imperia, alla presenza del Presidente del Centro Servizi Matteo Lupi e del Direttore Antonietta Semeria la prima edizione del bilancio sociale, redatto secondo le linee guida elaborate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato - CSV.net. Il bilancio sociale è inteso dal CE.S.P.IM prima di tutto come strumento di trasparenza del proprio operato verso tutti gli stakeholder, i soggetti che a vario titolo sono portatori di interessi e aspettative legittime rispetto all’attività del Centro Servizi al Volontariato della provincia di Imperia, oltre ad essere un importante strumento di verifica interna per valutare la corrispondenza tra gli obiettivi prefissati e i risultati raggiunti.

Tra i dati più significativi, analizzando il bilancio sociale, emerge l’ampia base sociale del CE.S.P.IM: a fronte di circa 300 associazioni di volontariato presenti in provincia, oltre 100 risultavano al 31/12/2007 essere iscritte al Centro, con un dato in crescita rispetto al 2006. Il dato sta ad indicare la fiducia dimostrata dalle associazioni e il desiderio di essere parte attiva del Centro e della sua “governance”.
Analizzando la provenienza geografica delle socie si nota un altro elemento importante: le associazioni presenti sul territorio provinciale hanno in prevalenza, ancorché lieve, sede nel sanremese, ma il CE.S.P.IM risulta avere una maggioranza di socie con sede a Imperia, solo a seguire le associazioni con sede nel sanremese. Questo dato spinge il CE.S.P.IM, come già fatto lo scorso anno, a incrementare gli investimenti in comunicazione e nella promozione, al fine di far conoscere sempre più capillarmente il centro e le opportunità che offre.
Altro interessante elemento: tra i servizi di consulenza che riscuotono maggior “successo” fra le associazioni di volontariato vi sono molte richieste per consulenze legali, soprattutto in merito all’avvio e alla costituzione delle associazioni, oltre a consulenze fiscali e contabili per una corretta gestione amministrativa dell’associazione stessa.
Tra i servizi più richiesti ricordiamo la formazione, che l’anno passato ha visto l’avvio della cosiddetta “scuola di formazione”, serie di corsi per volontari e aspiranti volontari in ambito tecnico-informatico, relazionale, di comunicazione e amministrativo-contabile.
 
In tutto, nel 2007, il CE.S.P.IM ha erogato sevizi per 430 mila euro.

Nell’ottica del miglioramento organizzativo, il bilancio sociale subirà alcune modifiche già dal prossimo anno e sarà più ricco di dati e maggiormente focalizzato sull’anno in esame e sulle variazioni rispetto a quello precedente.

Il documento, che in questa prima versione rappresenta la fotografia del “punto zero” di un processo di riorganizzazione interna, intende esporre le caratteristiche dell’associazione, presentarne la storia, il funzionamento, l’efficacia dei servizi erogati, l’efficienza nel gestire una mole di lavoro ed una complessità in costante aumento.
Nel dettaglio, il bilancio sociale consta di 4 parti, la prima riguarda l’identità del CE.S.P.IM, quindi la definizione dei portatori di interesse, il governo e la struttura; la seconda concerne la dimensione economica, con l’analisi tecnica della situazione patrimoniale ed economica; la terza parte riguarda invece proprio l’attività del Centro, quindi l’elenco delle aree di bisogno espresse dai volontari, come vengono erogati i servizi e quali sono i servizi offerti; un’ultima parte concerne invece gli obiettivi di miglioramento.