Stampa
06
Lug
2006

IMPRESE FEMMINILI E BOTTEGHE STORICHE

Pin It
NUOVI BANDI PER LE IMPRESE FEMMINILI E PER IL PASSAGGIO GENERAZIONALE DELLE BOTTEGHE STORICHE: CONFESERCENTI PRONTA PER ASSISTERE CHI VORR¿ PARTECIPARVI Confesercenti Ë soddisfatta del prossimo varo, da parte del Comune, di finanziamenti volti alla creazione e al rafforzamento delle imprese commerciali dei centri storici cittadini; sono infatti in arrivo i nuovi bandi di finanziamento della legge 266. Gli obiettivi dichiarati sono la realizzazione di iniziative imprenditoriali da parte di piccole imprese a partecipazione prevalentemente femminile e il trasferimento di competenze delle attivit‡ artigiane e delle botteghe storiche attraverso appunto il passaggio a nuovi soggetti. Le misure previste a tal fine consistono nella concessione di finanziamenti a tasso annuo dello 0,5%, a copertura del 70% dellíinvestimento (fino ad un massimo concedibile di Ä 42.000); inoltre, per il caso di trasferimento delle competenze, di un contributo a fondo perduto di Ä 5000 per il titolare cedente che effettuer‡ la formazione e líassistenza dei succedenti, nonchÈ la loro promozione presso la propria clientela. Le aree interessate saranno quelle di Valbisagno, Valpolcevera e dellíex circoscrizione PrÈ-Molo-Maddalena, con misure differenziate tra le prime due e questíultima. . Líammontare dei finanziamenti previsti Ë complessivamente di Ä 1 milione e 300.000,00, di cui circa i 2/3 per líimprenditoria femminile. A settembre sar‡ poi il turno dei mercati di Terralba, Certosa, Bolzaneto, Cornigliano, Toti, PonteX e Pr‡, per questi Ë previsto líimpiego di circa Ä 1 milione. I relativi bandi sono ancora in via di definizione, ma saranno previste misure díintervento di messa a norma sia delle strutture, sia dei singoli banchi.