Stampa
10
Mar
2007

MEDICI SPCIALIZZANDI: CONTINUA L'ITER DEL CONTRATTO CONSEGUITI I PRIMI OBIETTIVI

Pin It

È stato emanato il primo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM), che determina il trattamento economico dei medici che svolgono la formazione specialistica a partire dall’anno 2006/2007. Il trattamento economico consiste in una parte fissa di 22.700 euro lordi annui ed in una parte variabile, non eccedente al 15% della parte fissa (circa 2.300 euro annui lordi per i primi due anni e circa 3.300 per ciascuno degli anni successivi).

Con questo atto è stata recepita la richiesta delle associazioni di categoria S.I.M.S. (Segretariato Italiano Medici e Specializzandi) ed A.M.S.C.E. (Associazione Medici Specialisti della Comunità Europea e Specialisti in Formazione) di rendere operativa la trasformazione delle borse di studio in contratti di lavoro e di aumentare lo stipendio mensile dei medici specializzandi, come stabilito dalla legge 226/2005 (L. finanziaria 2006).
Continua dunque l’iter verso l’adozione del contratto degli specializzandi, già pronto alla firma e privo di impedimenti tecnico-pregiudiziali come già sostenuto dalle predette associazioni.

<<Abbiamo chiesto ed ottenuto un’assunzione di responsabilità politica da parte del Ministro dell'Università e della Ricerca per definire, in tempi brevissimi, l’iter contrattuale dei medici specializzandi, - lo affermano all’unisono i presidenti del SIMS e dell’AMSCE, Walter Mazzucco e Marilena Celano - ma non basta!>>.
Infatti le 2 associazioni non smetteranno di incalzare i Ministri competenti ed il Governo sino a quando non saranno conseguiti i seguenti obiettivi:

1) coinvolgimento di S.I.M.S. ed A.M.S.C.E. nella discussione sui contenuti dello schema tipo del contratto di formazione specialistica;

2) emanazione del DPCM relativo allo schema tipo del contratto ed applicazione dello stesso;

3) emanazione di direttive uniformi e condivise sull’espletamento dell’impegno assistenziale in regime di tempo pieno dei medici in formazione specialistica (con espresso riferimento a guardie ordinarie, notturne e festive), sul rapporto tra Specializzando, Università ed Aziende Ospedaliere facenti capo alla rete formativa, sulle modalità dell’esercizio del diritto all’assenza per malattia e gravidanza, sull’epoca precisa e le modalità di accoglimento dei medici in formazione presso le strutture del S.S.N..

4) sottoporre tutti gli specializzandi al regime di sorveglianza sanitaria, al pari di tutte le altre categorie esposte a rischi legati all'attività lavorativa

5) pubblicazione del Bando per l'accesso alle Scuole di Specializzazione per l'A.A. 2006/07