Stampa
19
Dic
2007

NASCE A SANREMO L'ASSOCIAZIONE "FIORE GIUSTO"

Pin It

Nasce a Sanremo “Fiore Giusto”: l'associazione di floricoltori, commercianti, sindacati e società civile.
Obiettivo: lavorare per avere fiori italiani più sostenibili per i lavoratori e l’ambiente. Un’impronta digitale e la scritta “Fiore Giusto”: è il logo che rappresenta la nuova associazione.  Il suo scopo: porre l’attenzione sui diritti delle persone che producono i fiori, e sulla necessità della tracciabilità di prodotto nel settore floricolo.

L'iniziativa, avviata dall’associazione La Bottega Solidale Onlus – Movimento Fiori e Diritti, ha tra gli altri soci fondatori il Distretto Floricolo del Ponente Ligure (che rappresenta i portatori d’interesse privati e istituzionali del settore), le rappresentanze sindacali locali di CGIL e UIL, l’ente gestore del Mercato dei Fiori di Sanremo Ucflor e ha ricevuto l’immediata adesione di ANCEF, la sezione degli operatori floricoli della Confindustria di Imperia.

“Fiore Giusto” è il primo tavolo di confronto a livello italiano sul tema dei diritti umani e ambientali nel settore floricolo; l’obiettivo dell’associazione è creare le condizioni per lo sviluppo in Italia di una certificazione sociale e ambientale che garantisca ai consumatori rispetto per le condizioni di produzione dei fiori che acquistano.

Fiore Giusto è un’associazione nazionale, che prende avvio in Liguria, anche grazie all’interessamento e al supporto dell’assessorato all’agricoltura della Regione Liguria. Intende però diffondersi anche a livello nazionale, coinvolgendo altri soggetti della filiera produttiva e commerciale.

L’attenzione tuttavia non è rivolta solo ai lavoratori delle aziende italiane. Fiore Giusto intende collegarsi a livello internazionale al marchio di certificazione FFP Fair Flowers Fair Plants  per rafforzare un’azione globale nella difesa dei diritti, dalle grandi piantagioni africane e latinoamericane, fino alle serre olandesi.
Questo per offrire ai consumatori un’ampia gamma di prodotti certificati,  permettere una competizione equilibrata tra produttori che garantiscono un alto standard di qualità etica, facilitare la cooperazione tra associazioni di lavoratori delle diverse latitudini.