Stampa
06
Feb
2008

RITORNANO I SITI PEDOFILI IN ITALIA SEQUESTRI A MILANO

Pin It

Milano,  Grazie a una delle ormai 175mila segnalazioni di Telefono Arcobaleno, Organizzazione che da 12 anni lotta al fianco delle polizie nazionali e internazionali contro la pedofilia in internet, oggi, il Nucleo Investigativo Telematico, in tempi rapidissimi, come richiede l’estrema dinamicità della realtà della rete,  ha sequestrato 5 siti  pedofili tutti italiani.

 I tecnici informatici di Telefono Arcobaleno, ieri, durante il quotidiano presidio del web, hanno scoperto e immediatamente segnalato al N.I.T. cinque siti italiani legati al pedobusiness, cinque porte d’accesso o “backdoor”  ad una vastissima galassia di siti a contenuto pedopornografico che avevano registrato, in soli 2 giorni, ben 150mila contatti.

 In tutti e cinque i siti italiani, erano inoltre, ben visibili i banner pubblicitari di note aziende italiane che Telefono Arcobaleno sta contattando privatamente.

 Il “pedobusiness”, come descritto nel Report annuale dell’Osservatorio internazionale di Telefono Arcobaleno è un chiaro indice del terribile meccanismo economico che alimenta il circuito criminale della domanda e offerta di nuovi materiali.

 Giovanni Arena, Presidente di Telefono Arcobaleno, sottolinea ” È noto che i siti a contenuto pedopornografico sono tra i più visitati al mondo ed è necessario che le imprese che investono in internet si rendano conto che sfruttare questo perverso circuito, inserendo, più o meno consapevolmente, i propri banner pubblicitari, significa  legittimare, in qualche modo, la pedofilia on line, subire forti danni d’immagine, ma soprattutto reiterare, milioni di volte, quell’orribile abuso sui  bambini”