Stampa
25
Ott
2007

SALUTE E SOCIETA':DISABILI LIGURI A CONFRONTO

Pin It

Apre venerdì all’Hotel Sheraton di Genova Aeroporto il convegno “Il progresso della ricerca scientifica:  Aspettative e realtà della persona con lesione al midollo spinale”. La speranza della ricerca scientifica, le nuove frontiere delle cellule staminali, la convivenza con la disabilità nelle semplici difficoltà della vita quotidiana fino alle esperienze nella realtà professionale, ed ancora l’approccio e l’entusiasmo dei giovani disabili. Sono tante ed interessanti le tematiche che l’Associazione Paratetraplegici Liguria Onlus si sforza di affrontare nel suo primo convegno scientifico “Il progresso della ricerca scientifica: Aspettative e realtà della persona con lesione al midollo spinale” organizzato in collaborazione con la FAIP (Federazione Italiana Associazioni Paratetraplegici) nei giorni 26 e 27 ottobre presso l’Hotel “Sheraton” di Genova Aeroporto.

 Si tratta a tutti gli effetti di un incontro innovativo che unisce la presenza di esperti del mondo scientifico, tra i quali citiamo solo il professor Antonino Massone Direttore U.O.C Unità Spinale Unipolare di Pietra Ligure ed il professor Angelo Schenone, neurologo clinico esperto in neuropatologia dell’Università di Genova, insieme a Istituzioni ed Associazioni di Categoria nazionali e regionali.

 “Il nostro obiettivo – afferma l’Ing. Antonio Cucco, presidente dell’Associazione Paratetraplegici Liguria Onlus – è quello di soddisfare le esigenze degli esperti del settore (medici, ricercatori, fisioterapisti ed infermieri specializzati) di confrontarsi in materia di ricerca scientifica sulle lesioni al midollo spinale e quella di tutti i disabili di esporre le loro problematiche a chi si prende cura della loro salute, cercando sempre di vivere al meglio la propria disabilità. In questo senso lo sforzo di riunirci per un convegno che ha un respiro di carattere nazionale è per noi già un grande risultato che sicuramente cercheremo di mantenere nel tempo dando a questo appuntamento una cadenza periodica”

Nelle relazioni si parlerà dei nuovi sviluppi nella terapia delle lesioni al midollo spinale, inclusi gli aggiornamenti sulla ricerca inerente le cellule staminali e non solo, e si parlerà inoltre degli aspetti psicologici e pratici della disabilità, per un approccio più organico che aiuti i pazienti ed i loro famigliari a vivere con serenità e raggiungere il massimo benessere possibile.

 Alcune brevi informazioni sull’Associazione Paratetraplegici Liguria O.n.l.u.s:

L’Associazione Paratetraplegici Liguria O.n.l.u.s è nata a Genova nel 1992 su iniziativa di un gruppo di ragazzi in carrozzina, mossi dal desiderio di creare un punto di riferimento per le persone mielolese. La lesione del midollo spinale causata secondo le statistiche del Ministero della Sanità per il 65 per cento da lesioni traumatiche (incidenti stradali, sportivi, di lavoro e casi di violenza personale) e per il 35 per cento da principalmente da neoplasie, costringe di fatto chi ne è colpito sulla sedia a rotelle per le paralisi agli arti inferiori (paraplegici) o agli arti inferiori e superiori insieme (paratetraplegici). L’Associazione, costituita di puro volontariato e senza alcun fine di lucro, conta circa 200 soci; la sede principale è a Genova con sezioni distaccate nel Tigullio (“Sportello Informadisabili” del Comune di Santa Margherita  Ligure) e nel savonese presso l’Unità Spinale Unipolare dell’Ospedale Santa Corona di Pietra Ligure. Altre collaborazioni sono attive con gruppi spontanei nei comuni di La Spezia e Sarzana.