Stampa
20
Mag
2008

A PORTOVENERE PROSEGUE LA DISFIDA DEL RIGASSIFICATORE

Pin It

"Un impianto come Panigaglia può aprire strade verso nuovi obiettivi, da un centro studi sulle energie del futuro a un impianto di teleriscaldamento", queste le parole con cui Salvatore Balestrino, segretario territoriale del sindacato Uilcem ha espresso totale sostegno al progetto di raddoppio dell'impianto di rigassificazione di Panigaglia durante i lavori dell'incontro "Energia e ambiente: due facce della stessa medaglia" tenutosi presso il Centro di educazione ambientale della Spezia.
Come nel caso di molte altre infrastrutture l'Italia anche per quanto riguarda i rigassificatori paga il prezzo di decenni di immobilismo: mentre in Spagna sono attivi ben sette impianti e altri sono già in costruzione in Francia e in Olanda lungo tutto lo stivale solo Panigaglia è in funzione, mentre tre sono in via di realizzazione e ben otto ancora alla fase di studio.
Snam ha tutte le intenzioni di raddoppiare capacità e rendimento del sito del Levante ligure: "La domanda di energia cresce, servono investimenti, infrastrutture; l'impianto di Panigaglia sarà una fonte di opportunità industriali e di lavoro, non mancheranno le occasioni di contrattazione", nè è convinto il presidente Alberto Meomartini che nella parte finale della dichiarazione sembra rivolgersi alle amministrazioni locali.


Fonte Cna