Stampa
03
Ago
2007

ACCORDO COOP LIGURIA :GARANZIE PER I POSTI DI LAVORO E APERTURA NUOVI CENTRI

Pin It

Il rinnovo dell'Accordo Integrativo Aziendale della divisione ipermercati di Coop Liguria (1.300 addetti), prevede il rilancio del Modello Partecipativo degli Ipermercati, con nuovi investimenti per la formazione delle RSU e per la sicurezza sul lavoro. Pronto anche un piano di formazione straordinario per il servizio al cliente e l'ampliamento delle facilitazioni per l'accesso al TFR e per far fronte alle questioni sociali (paternità, maternità, cura dei genitori anziani, formazione continua).

Ad un gruppo misto di lavoro, composto da dirigenti della cooperativa e rappresentati dei lavoratori, è stato assegnato l'obiettivo di avanzare proposte di modelli innovativi di organizzazione del lavoro che consentano, nel contempo, miglioramenti nella stabilità occupazionale e recuperi di produttività e servizio al consumatore.
Di particolare interesse l'acquisizione in via definitiva da parte della Cooperativa, del sistema di lavoro ad isole di orario sociale, l'autogestione dell'orario di lavoro di cui beneficiano le circa 300 persone adibite alle barriere cassa e che, con i tempi tecnici necessari a creare una base informativa sufficiente, verrà esteso anche ai prossimi insediamenti.

118 consolidamenti di occupazione stabile (con la ricollocazione di 35 impiegati del settore logistico-amministrativo interessati da un processo di ristrutturazione, 53 trasformazioni a tempo indeterminato e 30 incrementi di orario di lavoro a part-time) suggellano l'accordo, che prevede, tra l'altro, anche: una revisione degli obiettivi di salario variabile e del lavoro domenicale (con aumenti complessivi sino al 13% del premio di fine anno); un'intesa sull'apprendistato che prolunga di un anno i tempi di formazione, senza incidere sul trattamento degli apprendisti ed aumentando al 90% la quota di loro conferma.

Oltre agli Ipercoop di Sarzana, Savona, Genova e Carasco, la Divisione Ipermercati di Coop Liguria aprirà entro il 2009 due nuovi insediamenti a Mondovì (Cn) e a La Spezia