Stampa
21
Ott
2006

AL SEATRADE DI NAPOLI 2006 LE PREVISIONI DI SERGIO SENESI PRESIDENTE CEMAR

Pin It

 
Due dati confermano tale affermazione: sono più
di 13,4 milioni i passeggeri che hanno effettuato una crociera durante l’anno 2005 e
la previsione di quasi 30 nuove unità in consegna entro il 2008 è il segno evidente del forte sviluppo e dell’interesse delle Compagnie di Navigazione. Per supportare la richiesta del mercato molti porti europei hanno iniziato un processo di potenziamento delle strutture perpoter accogliere più navi contemporaneamente.

Saranno circa 7.250.000 i passeggeri movimentati nei porti italiani nel 2007 per un totale di oltre 3.870 toccate nave (il 2006 lo chiuderemo con 5.940.000 passeggeri e 3.940 toccate nave). Inoltre lamovimentazione dei croceristi durante il periodo invernale, la destagionalizzazione delsettore, è raddoppiata negli ultimi quattro anni.

L’Italia si riconferma così la prima destinazione crocieristica del Mediterraneo come numero totale di passeggeri movimentati davanti alla Spagna(4.200.000) e Civitavecchia con quasi 1.500.000 croceristi previsti si può permettere di contrastare il primato del porto di Barcellona (1.400.000 passeggeri previsti 2006 e 1.550.000 previsti nel 2007).

Secondo le previsioni di Sergio Senesi, Presidente Cemar, dopo il forte incremento dello
scorso anno (+15,4%) anche per il 2007, ci sarà un forte aumento di passeggeri movimentati
nei porti italiani, un aumento addirittura del 22,05% rispetto al 2006.
“E’ un dato di forte impatto e di grande soddisfazione per tutti gli addetti ai lavori, maanche
allarmante se si evidenzia che i porti non sono in grado di compensare la forte richiesta di
espansione del mercato. L’Italia grazie alla sua posizione predominante e alle forti attrattive
turistiche è mediamente toccata 2,8 volte per ogni crociera nel Mediterraneo, contro lo 0,65 della Croazia, lo 0,20 della Tunisia, il 1,1% della Spagna e lo 0,88 della Francia”.

Un dato importante è la leggera flessione nel numero di scali di circa il -1,77% che ci indica
chiaramente la sempre più forte offerta di navi più capienti. E proprio Costa Crociere con la
nuova ammiraglia Costa Concordia e MSC Crociere con la nuova MSC Musica entrate in servizio
nel 2006 ne danno un chiaro esempio. E’ anche da notare come ormai i grandi Gruppi americani