Stampa
04
Apr
2008

ASSEMBLEA DEL GRUPPO GIOVANI ARMATORI

Pin It

Modifiche dello statuto e missione in India al centro degli argomenti all’ordine del giorno dell’Assemblea del Gruppo Giovani Armatori di Confitarma, svoltasi oggi a Roma. Le modifiche, che entreranno in vigore dopo l’approvazione del Consiglio di Confitarma, sono state apportate per adeguare il Regolamento interno allo Statuto della Confederazione Italiana Armatori. In particolare, la durata del mandato del Presidente, dal 2009 con il prossimo rinnovo delle cariche, avrà una durata di tre anni e non sarà rieleggibile; i Vice-Presidenti saranno tre anziché due e il numero dei Consiglieri viene elevato a sette, due nominati dal Presidente e cinque dall’Assemblea del gruppo Giovani Armatori.

In vista dell’imminente missione dei Giovani Armatori in India ed Emirati Arabi Uniti, che partirà il 26 aprile, ha partecipato all’Assemblea il Consigliere M. Subbarayudu, addetto commerciale e numero due dell'Ambasciata indiana in Italia. Durante l’incontro, Giuseppe Mauro Rizzo, Presidente del Gruppo Giovani Armatori di Confitarma, ha illustrato i dettagli del programma del viaggio che inizierà il 26 aprile prossimo con tappe a Mumbai, Delhi, nello Stato settentrionale del Gujarat, Dubai e Abu Dhabi, con visite nei principali porti e cantieri navali incluso il sito di Alang specializzato nella demolizione di navi.

Sono previsti anche incontri con associazioni armatoriali e autorità locali. La missione si concluderà il 9 maggio.
“L’industria dello shipping – ha dichiarato Giuseppe Mauro Rizzo - avrà un ruolo primario negli effetti generati dall’ascesa dell’economia indiana nei prossimi anni e le nuove generazioni di armatori devono essere preparate a cavalcare le opportunità derivanti da questo fenomeno”.

“Esprimo a nome di tutti i nostri armatori il più vivo apprezzamento per l’attività del Gruppo Giovani Armatori – ha affermato Nicola Coccia, Presidente di Confitarma – in particolare, le missioni in Cina e in India organizzate in questi anni rappresentano un’importante strumento per favorire l’ingresso della nostra industria in mercati nuovi e sempre più determinanti nel panorama dell’economia mondiale