Stampa
14
Gen
2011

ASSOMARINAS SBARCA AL BOOT DI DUESSELDORF

Pin It

Assomarinas, l’Associazione Italiana dei Porti Turistici aderente a UCINA Confindustria nautica e a Federturismo, sbarca al Boot 2011 di Duesseldorf come “ambasciatrice” delle imprese di servizi nautici per cavalcare l’onda della confortante ripresa economica tedesca, Paese questo già comunemente definito la “locomotiva d’Europa”.
“Questo paese d’oltralpe per i porti turistici italiani – anticipa il presidente di Assomarinas  Roberto Perocchio -   si conferma come l’unico “bastimento” dotato di sufficiente abbrivio per consentirci di riavviare la ripresa dei consumi nautici anche per il nostro paese che resta, pur sempre, la destinazione turistica più gettonata dai diportisti tedeschi “
Nella conferenza stampa  del 23 c.m. organizzata dall’associazione  presso la  congress hall del salone nautico alla quale è stato invitato anche il presidente dell’ENIT Matteo Marzotto e che vedrà la partecipazione diretta dei realizzatori e gestori delle nuove imprese portuali turistiche della costa italiana, dalla Liguria al Friuli Venezia Giulia passando per la Sicilia,si punterà a riportare sulle coste italiane buona parte di quegli armatori tedeschi che, a causa della crisi economica, avevano scelto itinerari alternativi sulle acque interne tedesche o nuove rotte sulle coste di paesi mediterranei extraeuropei.
“ I recenti, imponenti  investimenti in strutture nautiche in corso di completamento lungo le nostre coste per oltre 18.000 posti barca chiu se ne aggiungeranno altri 30.000 in corso di progettazione – continua Perocchio – ci inducono a rafforzare il già proficuo rapporto da molti anni avviato con questo mercato anche grazie alla sempre più stretta collaborazione con l’ADAC  che è presente in Italia con decine e decine di “stutzpunkt” (Punti di assistenza convenzionati per l’utenza tedesca)”.
A Duesseldorf Assomarinas forte dell’intensa attività di sostegno al comparto garantita da  UCINA Confindustria nautica e da  Federturismo ma ancor più consolidando la collaborazione avviata in questo senso con l’ENIT , da una parte consentirà agli operatori italiani di stabilire un contatto mirato con le grandi organizzazioni nautiche tedesche e centroeuropee, dall’altra di poter rivalutare il “network portuale ” rappresentato da Assomarinas , oggi più ricco di destinazioni di pregio sia al nord che nel sud  d’Italia.
Incontri ravvicinati, quindi, tra domanda ed offerta : un “B2B” d’eccellenza che si giocherà da una parte sugli effetti positivi della ripresa economica tedesca e, dall’altra, sugli ingenti investimenti e l’innalzamento della qualità dei servizi di gran parte dei porti turistici della Penisola.
“Proponiamo la formula del “full service”  che nel settore ci registra “vincenti” avendo adottato la politica del “real estate” e del “marina resort” , oggi trainanti a livello mondiale come recentemente è stato  dimostrato in occasione del meeting della Commissione Porti Turistici di ICOMIA (International Council of Marine Industries Association a Fort Lauderdale”.
Porti come quelli di Loano e Varazze in Liguria, Cecina e Scarlino in Toscana, Marina di Cicerone in Lazio, Marina Lobra e Marina di Stabia in Campania, Marina di Licata e Marina di Ragusa in Sicilia, Marinagri e Porto degli Argonauti in Basilicata, Marina di Rodi Garganico  in Puglia, Porto San Felice di Chioggia, Porto Turistico di Jesolo, Marina Vento di Venezia nella città lagunare, ma solo per citarne alcuni, saranno presenti al grande “rendez vous” della kermesse tedesca, appuntamento nautico che si conferma, dopo quello di Genova,   tra i principali d’Europa.