Stampa
01
Mar
2012

Grande successo dell’Autoclave che “cuoce” i rifiuti senza incenerimento.

Pin It

 altDa tempo sentiamo parlare d’innovazioni tecnologiche nel settore smaltimento rifiuti senza inceneritore. All’origine di tutto questo, il Gruppo Fissore di Montecarlo, factotum ed agente generale di 5 aziende internazionali, tra cui la Bollegraaf olandese, fondata nel 1950, creatrice del più grande impianto di smaltimento rifiuti esistente al

mondo, installato nel New Jersey per la città di New York, con capacità operativa di 220 tonnellate ora di rifiuti (5.280 ton. al giorno!!). Le altre consorziate : la LUBO SYSTEM OLANDA, Leader mondiale nelle tecnologie di selezione dell'umido, numero uno negli Stati Uniti; pioniere in materia di progettazione, sviluppo e fornitura di impianti di smistamento e riciclaggio innovativi, affidabili e redditizi. La MEDICSHRED inglese, leader nelle Tecnologie di Sterilizzazione dei Rifiuti Medici, che, in collaborazione con INL Idaho National Laboratory (USA) dispongono dell'unica tecnologia capace di contenere qualsiasi grado di radioattività!. La WAGNER AUSTRIA (Trituratori per ogni tipo di materiale). La Vulcanes inglese partner della Aerothermal. Ed é proprio l’AEROTHERMA che lo scorso week end ha ricevuto due importanti delegazioni italiane delle Regioni Lombardia e Veneto, composte rispettivamente dal presidente della Commissione Ambiente, con l’assessoe Daniele Belotti e con gli otto Responsabili Provinciali, oltre al tecnico responsabile delle nuove tecnologie. A fine presentazione dell’Autoclave, quest’ultimo ha espresso la propria soddisfazione totale ed ha confermato la propria disponibilità ad accogliere le tecnologie del Gruppo, anzi ha sottolineato l’eventualità estremamente gradita di essere la prima regione in Italia ad usufruire di questa stupenda innovazione.

Per la Regione Veneto, invece, l’assessore di Venezia, avv. Dalla Vecchia ha comunicato ufficialmente a tutti i presenti ed al management della propria municipalizzata, la sua ferma intenzione che nel suo territorio venga adottata questa nuova rivoluzionaria tecnologia dai risultati eccezionali. Che dire di più. Ora il problema del gruppo Fissore é da dove cominciare ed a chi dare la precedenza, inquanto in questi ultimi mesi si é creato un portafoglio clienti veramente importante, con lista d’attesa che aumenta di giorno in giorno. Senza dimenticare che il Gruppo dispone anche di un’ altra eccezionale tecnologia: la P2P (plastic to petrol) che trasforma la plastica di qualsiasi tipo, anche sporca, in super carburante, privo di zolfo, con un rapporto di 1,2 litri ogni kg di plastica ! Un sogno diventato realtà.