Stampa
15
Mar
2008

AVA CONTRO PIAGGIO A VILLANOVA D'ALBENGA

Pin It

A Villanova d'Albenga dopo la decisione presa dall'Agenzia del demanio e del ministero dei Trasporti di "sdemanializzare" le aree che sarebbero interessate dal prossimo trasferimento delle industrie aeree Piaggio è un vero e proprio scontro a contrapporre la società Ava, responsabile della gestione dell'aeroporto del Ponente ligure e la Piaggio Aero Industries sull'iter di sdemanializzazione dei 127.000 metri quadrati in questione.
Dopo la relazione del Presidente di AVA Pietro Balestra, che ha ripercorso tutte le tappe della vicenda fino al contratto di programma sottoscritto da Piaggio e presentato all'allora ministro Scajola (che prevedeva interventi importanti a favore dell'aeroporto e legava indissolubilmente l'insediamento Piaggio all'accordo con Ava), sono intervenuti a sostegno di questa tesi il presidente della Provincia di Savona, Marco Bertolotto, il presidente della locale Cciaa, Giancarlo Grasso, il rappresentante del Comune di Imperia, Rodolfo Leone, ed il sindaco del Comune di Loano Angelo Vaccarezza.
Il rappresentante della Piaggio Aero Industries, Giorgio Mandraccio, ha dichiarato una disponibilità dell'azienda alla trattativa. Subito dopo il cda ha rilasciato un comunicato col quale si delibera: "un ampio e forte mandato al consiglio di amministrazione affinché assuma iniziative, tra cui valutare anche possibili azioni legali verso i soggetti responsabili a qualsiasi titolo e, in particolare, verso la Piaggio e gli prgani dello Stato che hanno condotto alla situazione attuale"; l'assemblea è stata quindi aggiornata al 17 marzo per poter esaurire, in tale data, l'ordine del giorno.

Fonte Cna